Nel panorama politico italiano resta molto interessante la storia del consigliere comunale Massimiliano Rugo, ex militare della Marina Militare e attualmente agente della polizia comunale, che ha deciso di dimettersi dal suo incarico politico e dal partito guidato da Giorgia Meloni, Fratelli D'Italia, di cui era dirigente, per diventare volontario di Sea Watch e prestare la sua vita al salvataggio di vite umane.

Le dimissioni del consigliere

Prima di aderire alla ong tedesca Sea Watch, l'ong di Carola Rackete, che con le sue imbarcazioni trae in salvo moltissimi migranti nel Mar Mediterraneo, il consigliere ha restituito la tessera del partito, e poi ha annunciato la volontà di dimettersi dal ruolo di capogruppo in consiglio comunale a Bibbona.

Solo dopo aver formalizzato queste pratiche ha deciso di spedire una mail all'organizzazione non governativa tedesca per chiedere di poter diventare volontario al fine di salvare vite umane. Una scelta che, considerata la linea politica del partito guidato da Giorgia Meloni, potrebbe lasciare sorpresi. Ma a sentire le parole dell'ex consigliere c'è una precisa motivazione.

La protesta contro l'antipolitica di Salvini

Massimiliano Rugo, 45 anni e due figli, viene da una famiglia divisa politicamente.

Il padre era missino e la madre comunista. Nonostante questo però, dopo essere stato militante di Fratelli D'Italia, ha deciso di fare una scelta etica per salvare vite umane e per protestare contro quella che definisce "l'antipolitica" dell'ex vice presidente del Consiglio Matteo Salvini.

Intervistato dal Corriere della Sera, Rugo spiega di voler prodigarsi verso tutti "i nostri simili che muoiono in mare".

Un segnale di protesta contro quell'antipolitica dell'ex Ministro dell'Interno che a suo dire sfrutta le tragedie di queste persone a fini elettorali.

Salvare vite umane

Per lui infatti "salvare uomini, donne e bambini non significa essere né di destra né di sinistra". Ricorda che ha sempre detestato la politica del Carroccio e ricorda che quando ha compilato il modulo per prendere la tessera a FdI aveva scritto che aveva compiuto questa scelta per combattere l'ascesa dei comunisti padani nel centrodestra.

Tra quei comunisti padani c'era anche Matteo Salvini, che poi anni dopo sarebbe diventato proprio alleato di Giorgia Meloni e di Fratelli D'Italia.

I pensieri di Salvini non sono i suoi e non sono quelli della destra in cui è cresciuto e che ha apprezzato nel corso degli anni. Rugo racconta di aver chiesto al partito di poter rifondare il Movimento Sociale Italiano di Giorgio Almirante. La risposta è stata negativa, ma lui insiste e non vuole arrendersi perché è convinto che in Italia ci sia bisogno "di una vera destra sociale" che segua quelli che sono i principi costituzionali.

Segui la pagina Matteo Salvini
Segui
Segui la pagina Lega Nord
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!