Sandra Amurri ospite di Non è l'Arena senza il permesso di Marco Travaglio. La giornalista, impegnata da diversi anni in inchieste sulla mafia, annuncia sulla sua pagina Facebook la presenza nello studio di Massimo Giletti nella serata di domenica 7 giugno, nonostante il diniego posto dal direttore del suo giornale, il Fatto Quotidiano.

Sandra Amurri sarà chiamata a offrire la sua opinione sul caso Bonafede-Di Matteo, dopo lo scontro esploso tra i due proprio nello studio di Non è l'Arena [VIDEO].

Il caso Bonafede-Di Matteo ancora a Non è l'Arena

Stavolta le polemiche precedono la puntata di Non è l'Arena in onda domenica 7 giugno su La7.

La trasmissione di approfondimento politico condotta da Massimo Giletti si occupa ancora del cosiddetto caso Bonafede-Di Matteo, lo scontro tra il ministro della Giustizia e il pm antimafia, esploso dopo le rivelazioni dello stesso Di Matteo pronunciate in diretta proprio da Giletti alcune settimane fa.

Di Matteo ha infatti denunciato le presunte pressioni subite dal guardasigilli sulla sua nomina, poi mancata, al vertice del Dipartimento amministrazione penitenziaria (Dap).

Sandra Amurri ospite di Massimo Giletti

A discutere del tema il conduttore ha chiamato per la puntata di oggi anche la collega del Fatto Quotidiano Sandra Amurri, la quale però spiazza tutti annunciando su Facebook che parteciperà a Non è l'Arena nonostante il no pronunciato dal suo direttore Marco Travaglio.

Insieme a lei saranno presenti anche l'ex magistrato e attuale sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, il consigliere del Csm Sebastiano Ardita, oltre a Matteo Renzi protagonista dell'intervista iniziale del programma.

Il post della Amurri: 'Sarò a Non è l'Arena'

L'attesa comunque è tutta per la partecipazione di Sandra Amurri e per la eventuale reazione negativa di Travaglio.

"Domenica dalle ore 22 sarò ospite a Non è l'Arena - scrive la giornalista sulla sua pagina Facebook - preciso che parteciperò a titolo personale in quanto non sono stata autorizzata dal direttore a partecipare in qualità di caposervizio-inviato del Fatto Quotidiano".

Insomma, anche se Marco Travaglio le ha impedito formalmente di andare da Giletti, Sandra Amurri non sembra intimorita.

"Se avete impegni, rimandateli. Non è un consiglio, è un avvertimento", aggiunge ironicamente concludendo però il suo post con un pensiero commosso nei confronti di Paolo Borsellino: "Restai d'accordo con Paolo per intervistarlo il lunedì 20 luglio. La domenica, mi trovavo già a Palermo, fui svegliata da un boato. Il resto sono le immagini indimenticabili di ciò che restava dei corpi dilaniati e quell'odore di lamiere bruciate".

Segui la pagina Politica
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!