È convocata a Canale Monterano, comune della città metropolitana di Roma, per lunedì 18 ottobre alle ore 19:30 la prima seduta del nuovo Consiglio comunale, dopo le elezioni amministrative che hanno portato alla rielezione a sindaco di Alessandro Bettarelli.

Tra i punti all’ordine del giorno vi è l’esame delle condizioni di candidabilità, eleggibilità e compatibilità degli eletti, il giuramento del sindaco oltre alle comunicazioni sulla nuova giunta comunale e la presentazione delle linee del programma del nuovo mandato.

I nuovi consiglieri comunali

Oltre al sindaco Bettarelli siederanno per i prossimi cinque anni nella massima assise comunale di Canale Monterano altri esponenti della lista Progetto Locale per Canale e Montevirginio, l'unica presentatasi agli elettori del comune, avente poco più di 4.000 abitanti.

I consiglieri comunali eletti sono Fabrizio Lavini, Andrea Magagnini, Valter Chiari, Joao Vitor Cersosimo, Giovanni Antonio D’Aiuto, Valeria Pasquali, Lorenzo Di Filippo, Luciano Sbriccoli, Alesmo Fabianelli, Laura Aloisi, Massimo Iannelli e Paolo Lantella.

Canale Monterano: è prevista attivazione del compostatore

Tra gli obiettivi della nuova amministrazione, secondo il programma elettorale presentato agli elettori per le elezioni che si sono tenute il 3 e il 4 ottobre scorsi con una sola lista in lizza, è prevista l'attivazione del compostatore elettromeccanico per il quale è stata portata a termine la fase di sperimentazione.

Si tratta di una apparecchiatura che tratta residui organici, tra scarti alimentari, sfalci ed altri, e che andrà a produrre il cosiddetto compost, un fertilizzante da impiegare in agricoltura.

L’amministrazione Bettarelli si è impegnata inoltre nei confronti degli elettori a promuovere campagne di comunicazione periodiche per sensibilizzare i cittadini sulla pratica della raccolta porta a porta dei rifiuti.

Programmato inoltre dalla amministrazione il passaggio di tutta l'illuminazione pubblica a sistema a led. L’amministrazione Bettarelli vorrebbe inoltre, in accordo con la locale Università Agraria, procedere al miglioramento delle strade rurali.

Si vuole anche creare il cosiddetto “Parco delle Olmate”, in stretta correlazione con le Olmate di Oriolo Romano, i rinnovati giardini del Palazzo Altieri di Oriolo e il Sacro eremo di Montevirginio.

Da portare avanti è inoltre l'abbattimento delle barriere architettoniche in ogni edificio pubblico e allargare ulteriormente la metanizzazione in tutto il territorio comunale.

La nuova amministrazione comunale si propone inoltre di incentivare il più possibile la cosiddetta “mobilità lenta”, con l’attivazione di nuovi percorsi pedonali e iniziative dedicate al trekking e alla bicicletta e di dedicarsi alla valorizzazione turistica del territorio che può vantare lo storico impianto termale delle Terme di Stigliano.