Da coma profondo a coma superficiale. E' questa la nuova situazione di Chiara Insidioso Monda. Lo ha dichiarato Il direttore della Neurochirurgia del San Camillo-Forlanini di Roma, Alberto Delitala, tenendo a precisare che la terminologia "uscire dal coma" è prettamente giornalistica e assolutamente non medica. Chiara ora è stata trasferita all'Istituto di riabilitazione neuromotoria di riabilitazione del Santa Lucia, Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione. Chiara Insidioso Monda, 20enne di Roma è stata ricoverata lo scorso febbraio a seguito del pestaggio subito dal fidanzato Maurizio Falcioni, muratore romano di 35 anni con precedenti per droga.

I due vivevano in una minima abitazione ricavata nel sottoscala di un palazzo a Casal Bernocchi, periferia della Capitale.

E proprio all'interno di quei 15 metri quadri che si consumò il dramma, per motivi di gelosia: Chiara voleva lasciarlo, lui non lo accettava, scoppiò il litigio e la ragazza venne picchiata a sangue, massacrata a calci e pugni, sbattuta infine selvaggiamente addosso al muro, Chiara è stata trovata dai primi soccorritori con la testa fracassata. Da quel momento a oggi la ventenne romana è stata sottoposta a tre interventi chirurgici al cervello, il primo d'urgenza e drammatico la notte stessa del fattaccio, gli altri due, ricostruttivi, in seguito. Il padre, al fianco di Chiara in questi lunghi mesi era arrivato a pensare e sperare la non sopravvivenza per la figlia, disperato per le condizioni in cui era ridotta.

I migliori video del giorno

Oggi, dopo dieci mesi di coma, il risveglio: per Chiara e la sua famiglia è tornata la speranza. Il cammino riabilitativo al Santa Lucia sarà lunghissimo, ma lo stato di minima coscienza, rispetto al coma profondo, come ha detto il direttore della Neurochirurgia del San Camillo, è una situazione su cui gli esperti possono lavorare. Il 9 dicembre era prevista la prima udienza del processo nei confronti dell'imputato Maurizio Falcioni, non essendo ancora stata deposita la perizia psichiatrica richiesta due mesi prima l'udienza è stata rinviata a data da destinarsi.