Sono sempre di più i ricercatori nel mondo che postulano che la principale causa di alzheimer sia un deficit di insulina nel cervello, perché senza di questa i neuroni non possono ottenere il glucosio che precisa il deteriorarsi o la morte. Una ipotesi fondamentale che spiega perché gran parte delle persone affette da questa malattia soffra anche di diabete e perché uno dei primi sintomi di Alzheimer sia la perdita di memoria, come l'ippocampo poi sia specialmente sensibile a questo deficit. Negli Stati Uniti ad esempio l' 80% di chi soffre di Alzheimer soffre di diabete di tipo 2 e obesità "resistenza all'insulina".

Pubblicità
Pubblicità

L'Alzheimer come malattia metabolica

Insomma considerano l'Alzheimer una patologia metabolica causata per il disavanzo di insulina nel cervello propongono che si consideri un nuovo tipo di diabete. Il nesso quindi consisterebbe tra l'insulina e l'Alzheimer, l'attenzione dei ricercatori cade anche nella ricerca delle malattie neurodegenerative. Infatti la ricercatrice Eva Feldman ha guidato con i suoi colleghi dei dipartimenti di neurologia un trapianto di staminali neuronali, queste hanno la capacità dell'autorinnovamento e capacità di fornire fonti illimitate di cellule per la medicina rigenerativa.

Pubblicità

Questo tipo di trapianto si è rivelato molto efficace nel miglioramento delle funzioni cerebrali e nelle funzioni motorie dopo l'Ictus, la Sla e il Pakinson.

La ricerca sta facendo passi da gigante

I ricercatori sono molto fiduciosi che gli stessi risultati ottenuti in queste ricerche, con queste tipologie di malattie possano essere utili anche per quanto riguarda il Morbo di Alzheimer. Le cellule neuronali umane, trapiantate nel cervello di alcuni topi, dopo una decina di settimane hanno notevolmente migliorato sia il tasso di sopravvivenza dei neuroni, sia la loro funzione sinaptica.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute

La malattia di Alzheimer (Ad) è un tipo di malattia che interessa il cervello e che purtroppo causa la restrizione e la morte delle cellule cerebrali. E' un processo irreversibile e progressivo in quanto la degenerazione delle cellule si espande il tutto il cervello. La ricerca oggigiorno sta facendo passi da gigante per tutelare la Salute umana, e gli obiettivi che essa si prefigge sono sempre più precisi, sempre più mirati e all'avanguardia, sopratutto per quanto riguarda le nuove tecniche chirurgiche, sempre più sicure e sempre meno invasive.

Oggigiorno grazie alla ricerca si sono salvate innumerevoli vittime destinate in passato a una morte certa, ed è per questo che do il mio grazie personale alla ricerca.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto