L'omeopatia, la pratica di medicina alternativa basata sui principi formulati dal medico tedesco Samuel Hahnemann a metà 800', torna a far parlare di sé, non per decantarne i suoi benefici che molti giurano di aver sperimentato, ma per venire nuovamente bollata sostanzialmente come un grande bluff della medicina. Questa volta ci pensa l'ordine dei medici che in una scheda informativa che appare nel sito della Fnomceo (Federazione degli Ordini dei Medici), in particolare nella sezione anti-bufala 'Dottore ma è vero che?' viene fatta chiarezza su alcuni dubbi che circondano questi Rimedi Naturali.

Pubblicità
Pubblicità

L'omeopatia funziona?

La scheda redatta dal Dottor Salvo Di Grazia, medico e divulgatore scientifico, fondatore del blog anti-bufala MedBunker e autore di alcuni libri dai titoli eloquenti quali Salute e bugie e Medicine e bugie, non risparmia critiche a quella che viene assimilata a né più e né meno che ad acqua fresca, che avrebbe al massimo un effetto placebo.

L'effetto placebo può essere un potente 'medicinale' sperimentabile non solo dall'uomo, ma persino dagli animali, causato da tutta una serie di complessi processi neurofisiologici che si attivano nel momento in cui si ha il convincimento che quella cura possa realmente funzionare e alla fine funziona.

Pubblicità

Insomma secondo quanto riportato nella scheda è la fiducia nel farmaco omeopatico, o il normale decorso della malattia, che ci porterebbe alla guarigione e non il rimedio stesso.

Ancora si legge, che sebbene siano stati pubblicati numerosi studi a sostegno dell'efficacia dell'omeopatia, nessuno di questi si rifà ai parametri di valutazione classici per la ricerca scientifica. Non esisterebbe alcuna 'memoria dell'acqua', come sostenuto da un ricercatore francese nel 1988, i cui studi sono stati smentiti da successivi e rigorosi controlli e ritirati dalla prestigiosa rivista scientifica su cui erano stati, in un primo momento, pubblicati.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute

Un altro aspetto che viene evidenziato è che sebbene i farmaci omeopatici vengano prescritti da medici chirurghi abilitati alla professione, ciò non deve trarre in inganno: non significa che l'omeopatia possa essere assimilabile ad una cura efficace, ma al contrario nel rispetto del codice deontologico, un medico saprà quando indirizzare o meno quel paziente verso cure realmente utili, non sottraendolo e perdendo tempo con delle cure inefficaci, ma rispettando nel contempo la sua scelta terapeutica, nei casi di piccoli disturbi che non necessitino di particolari attenzioni.

Omeopatia: dati Istat

Anche se non è certo la prima volta che l'omeopatia viene riconosciuta come priva di alcun fondamento scientifico ed efficacia, (tanto è vero che anche sulle confezioni di questi rimedi è obbligatoria la dicitura: 'senza indicazioni terapeutiche approvate'), queste dichiarazioni dell'ordine dei medici sono destinate a sollevare non poche polemiche tra coloro che invece credono nell'omeopatia e che hanno toccato con mano (a torto o a ragione) l'efficacia di questa medicina alternativa.

Pubblicità

Ma quanti sono gli italiani che oggi si curano con l'omeopatia? Secondo i più recenti dati Istat, dal 2005 al 2013, ci sarebbe stato un calo dell'utilizzo di tali rimedi, dal 7% al 4,1%, ma Omeoimprese afferma che sarebbero ben 9 milioni gli italiani (1 su 5) che almeno una volta nella vita avrebbero fatto ricorso all'omeopatia. A sostegno della difficile, ma netta presa di posizione della Fnomceo, non sono mancati gli appoggi di molti esperti anti-bufale, come il Cicap (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze) e il noto medico pro-vaccini, Francesco Burioni.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto