Siamo tutti talmente abituati ai neologismi anglosassoni, che ormai uno in più non ci spaventa di certo, anzi, rischia di passare inosservato. Tra i tanti “self” entrati a far parte stabilmente del nostro dizionario (self-control, selfie, self-service), da oggi possiamo aggiungere una new-entry (giusto per restare in tema): "self-talk".

In ognuno di questi inglesismi, la particella “self” indica un’azione svolta in piena autonomia, “con se stessi”. Allo stesso modo, il self-talk non è altro che l’abitudine, molto comune e malvolentieri ammessa, di parlare da soli.

Pubblicità
Pubblicità

Mi parlo e mi ascolto

La tendenza a considerare il soliloquio un’attività da pazzi è molto comune, legati come siamo allo stereotipo di efficienza e reazione immediata, che non contempla l’idea di soffermarsi e concentrare a lungo l’attenzione sulla propria dimensione, prendendosi del tempo per conoscersi a fondo. Studi psicologici recenti hanno invece dimostrato come praticare con una certa costanza il self-talk possa sortire effetti positivi nell’affrontare le situazioni stressanti a cui andiamo incontro nel corso della nostra vita.

Pubblicità

Pare infatti che apprendere e mettere in atto questa tecnica potenzi la fiducia in se stessi e stimoli autostima e ottimismo. Che si eserciti mentalmente o a voce alta, l’attività consiste nel focalizzare l’attenzione sulle proprie emozioni, in modo da influenzarle positivamente, attraverso frasi motivazionali e di incoraggiamento. Constatati gli effetti positivi durante le sedute di Mental Training, si sta man mano diffondendo in ambito sportivo ed aziendale, entrando a pieno diritto tra le tattiche di coaching motivazionale, al fine di incrementare le prestazioni nei vari ambiti.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Offerte Di Lavoro Salute

I trucchi del linguaggio e il potere della negazione

Si è dimostrato che il linguaggio è in grado di fare la differenza, non solo a livello cognitivo consapevole, ma anche e soprattutto sul piano dell’inconscio. Il cervello è capace di discernere e recepire ogni piccolo dettaglio, anche il più trascurabile, proveniente dal nostro modo di esprimerci, anche mentalmente, reagendo di conseguenza. Ad un linguaggio positivo corrisponderà quindi un atteggiamento ottimistico, così come a delle frasi pessimistiche, reagirà certamente con la frustrazione e l’ansia.

Ma qual è il segreto di un linguaggio positivo? Apparentemente banale, ma estremamente importante, il trucco sta nell’evitare una piccola, frequentissima negazione: no.

Il cervello tende ad enfatizzare il “no”, in ogni sua forma, estendendolo alle nostre azioni, al nostro umore e, infine, alla nostra volontà. Espressioni come “non posso farcela” o “non sto bene”, hanno un potere deleterio per l’inconscio, che ne assimila tutto il pessimismo, restituendolo sotto forma di fallimento e frustrazione.

Pubblicità

Ma la soluzione è molto semplice e di comprovata efficacia. Basta soltanto sostituire la frase con il suo contrario in positivo (“se mi impegno, posso farcela”; “starò presto bene”). Un’altra importante prerogativa del linguaggio positivo sta nel rivolgersi a se stessi dandosi del “tu”. Ciò consente di sviluppare un'auto-empatia e familiarizzare con le proprie emozioni, osservandosi e volendosi bene dall’esterno.

Pubblicità

Parlarsi addosso in 5 fasi

Esistono delle azioni volte a facilitare la tecnica del self-talking, che possono essere riassunte in 5 step:

  • Guardarsi allo specchio: serve a concentrarsi sul linguaggio non verbale del volto. Saper gestire l’espressione e la mimica facciale giova al potenziamento della capacità persuasiva.
  • Registrare la propria voce: consente di acquisire credibilità e consapevolezza del proprio linguaggio, poiché permette di riascoltarsi, verificare e correggere il tono e le parole.
  • Evitare ogni sorta di negazione: adoperare piuttosto frasi positive-contrarie, con lo stesso senso (“non me la sento” = “pian piano, ce la farò”).
  • Visualizzare ed interiorizzare i propri desideri: focalizzare l’attenzione sui propri obiettivi, visualizzandoli, come se fossero già raggiunti e compiuti.
  • Concentrarsi sulle proprie capacità: serve a motivarsi e non perdersi d’animo, tenendo presenti tutte le peculiarità e le qualità del proprio io, piuttosto che le debolezze.
Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto