Dopo la giornata (quasi) completamente veneta e il traguardo per velocisti di Bibione, il Giro d’Italia 2016 venerdì 20 maggio si sposta in Friuli-Venezia Giulia per la sua tappa numero 13.La Palmanova-Cividale del Friuli si preannuncia davvero complicata, e anche se le salite non superano mai i 1.000 metri di altitudine, si può parlare senza timori di prima tappa alpina del Giro 2016, e di appuntamento impegnativo: due rampe nella prima metà per cominciare a fare fatica, altrettante nel finale per fare la differenza tra i "sommersi" e i "salvati", e dare un colpetto alla classifica generale. Cosa aspettarsi?

Percorso e altimetria

Cominciamo con una curiosità: la Palmanova-Cividale del Friuli si corre tutta nella Provincia di Udine, e in particolare in una zona poco nota al grande pubblico come la Valle del Natisone. C’è da credere che questa 13° tappa, fortemente voluta dal "deus ex machina" del Ciclismo friulano Enzo Cainero, ci darà modo di scoprire un territorio ancora incontaminato e affascinante da un altro punto di vista.

Si parte alle 12.30 (i chilometri sono relativamente pochi, 170) dal cuore della città fortezza candidata a diventare Patrimonio dell’Umanità UNESCO (e non dal Palmanova Outlet Village, come qualcuno aveva pensato inizialmente). Dopo una cinquantina di chilometri facili facili si attacca Montemaggiore,noto anche come Matajur - da Savogna:salita vera, 8 km e spiccioli, con una seconda parte tutta oltre il 10% e punte al 15.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ciclismo

Fa già male.

Non bastasse, subito dopo si affronta la doppietta Passo San Martino-Crai (GPM di 2° categoria), e anche in questo caso ci sono punte al 16%, tanto per non perdere l’abitudine.

Comincia poi una parte più tranquilla, con il passaggio al rifornimento di Ponte San Quirino intorno alle 15.15 e il primo transito sotto il traguardo di Cividale del Friuli: altri 15 km di pianura e il percorso entra nel vivo con la salita a Cima Porzus da Attimis, GPM di 1° categoria.

Il punto chiave

È questo il primo postodove provare a fare la differenza: il gruppo si seleziona da dietro su una salita lunga quasi 9 km, costantemente sopra il 9% e con punte al 16 nella sua parte finale, che poi è anche la più dura.

Discesa non semplice fino ai Canali di Grivò e si torna a faticare con il naso all’insù verso il GPM di Valle, ultima fatica altimetrica della giornata. Qui il gruppo dei migliori potrebbe assottigliarsi ancora, così come nella discesa che porta a due passi dal traguardo.

A Cividale del Friuli si arriva da viale Gemona, su una strada ampia e senza particolari difficoltà: difficile una parata di un uomo solo al comando, ma si arriverà in gruppetti e anche qualche big potrebbe finire nella rete. Anche dopo questa tappa, la classifica del Giro d’Italia potrebbe essere, se non stravolta, sicuramente diversa da come l’avevamo lasciata la mattina.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto