Meglio tardi che mai. Nairo Quintana e la Movistar si sono accorti di avere un problema al Tour de France 2016: Chris Froome sta dominando in lungo e in largo la classifica, e tutto lascia pensare che sarà lui a mettere le mani sul ricchissimo premio riservato alla maglia gialla. Tuttavialo scalatore colombiano e la sua squadra non vogliono ancora darsi per vinti e, in vista di una terza settimana di corsa che si preannuncia corta (scatta oggi, mercoledì 20 luglio, e si concluderà sabato prima della passerella finale di Parigi) ma durissima, vanno a caccia di alleanze.

Naturale pensare alla squadra di un altro grande deluso e sconfitto di questa prima parte del Tour: Fabio Aru. Lo scalatore sardo e la sua Astana, che era stata costruita per impensierire il "re britannico" della corsa a tappe francese, veleggiano nella zona bassa della top ten a più di 5’ di ritardo, ma continuano a professare ottimismo in vista delle ultime - complicate - frazioni.

Un'alleanza per sconvolgere il Tour de France

Per questo, durante il secondo giorno di riposo della Grande Boucle 2016, Quintana e la sua Movistar hanno rispolverato un “grande classico” delle squadre di Ciclismo di formazione latina e sudamericana: l’idea di un’alleanza.

Correre insieme, unendo le forze dei capitani e dei rispettivi team, per provare a scalfire la forza devastante della falange oplitica costruita da Dave Brailsford intorno a Chris Froome: chi ha seguito un po’ di Tour, infatti, sa che accanto al keniota bianco che si appresta a scrivere il proprio nome per la terza volta nell’albo d’oro della corsa a tappe francese ci sono Henao, Thomas, Nieve e Kiryienka che non mollano mai, e lo scortano passo dopo passo in salita, imponendo un ritmo infernale.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ciclismo

Quintana-Valverde e Aru-Nibali contro "re" Froome?

L’unico modo per sconfiggerli sembra essere quello di collaborare, e il team manager della Movistar, Eusebio Unzue, è stato abbastanza chiaro nel mandare il suo invito a qualcuno interessato ad allearsi: come riferisce "cyclingnews": "C’è solo una squadra che nei giorni che contano è sempre attenta, efficace e disponibile, e quella squadra è la Astana".

Si prospetta, dunque, una "santa alleanza" tra Aru e Quintana, con al fianco due scudieri di assoluto valore come Nibali e Valverde, per sfidare Chris Froome: se davvero sarà così, ci attende una settimana di fuochi d’artificio.Lo scopriremo molto presto.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto