Umori differenti nelle piazze europee di volley oggi: mentre Modena si dispera perché dovrà fare a meno del suo palleggiatore titolare, il Fakel festeggia grazie all'impresa storica compiuta contro il temibile Kazan sotto la guida sempre concreta di Camillo Placì.

Intanto dalla sede della Lega escono i numeri ufficiali della Coppa Italia appena conclusa e c'è tanta soddisfazione tra gli addetti ai lavori.

Christenson sotto i ferri

Come era prevedibile il giocatore americano in forza all'Azimut Modena di coach Velasco dovrà restare fermo a causa dei problemi al ginocchio sinistro riscontrati nell'ultimo periodo.

Pubblicità

Il dolore era diventato insopportabile e dopo un'attenta valutazione è stato deciso di intervenire tramite operazione chirurgica: l'intervento sarà eseguito già oggi, 12 febbraio, dal professor Pederzini e dal suo staff del Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo. Per conoscere con maggiore certezza i tempi di recupero dovremo aspettare alcuni giorno dopo l'operazione, quando si capirà come ha reagito il menisco mediale dell'atleta modenese.

Placì vince contro Kazan, imbattuto da un anno

Grande soddisfazione nel campionato russo per il tecnico italiano Camillo Placì, che con il suo Noviy Urengoy è riuscito nell'impresa di sconfiggere la "corrazzata" Zenit Kazan, squadra dominatrice della lega russa da anni, la quale grazie ai suoi tanti campioni (e ad un budget storicamente molto più alto delle altre concorrenti al titolo nazionale) raramente conosce la sconfitta in campionato.

L'ex squadra del perugino Leon, che ora ha in forza l'estroso schiacciatore francese ex Modena Ngapeth, non perdeva una partita del torneo russo dalla bellezza di 399 giorni, per la precisione dal 7 gennaio del 2018, quando il Belgorod riuscì a spuntarla al quinto set. Per capire il grande risultato ottenuto da Placì basta pensare anche all'ultima sconfitta subita dal Kazan tra le mura amiche, per la quale dobbiamo tornare indietro fino al 22 novembre del 2015: sono passati 1176 giorni.

I numeri sorprendenti della Coppa Italia

Che le finali di Coppa Italia targata Del Monte siano state uno spettacolo sotto il punto di vista del gioco espresso dalle squadre in campo è stato sotto gli occhi di tutti, grazie soprattutto ad una finale a dir poco pirotecnica tra gli umbri della Sir Safety Perugia (già vincitori nella passata stagione) e gli eterni rivali della Lube Civitanova.

Pubblicità

A conferma della riuscita dell'evento disputato il fine settimana appena passato all'Unipol Arena di Casalecchio di Reno sono arrivati anche i numeri ufficiali che parlano senza ombra di dubbio di un successo: 288.000 euro incassati solo dalla vendita dei biglietti, 9.000 spettatori di media al giorno ed inoltre 660.000 appassionati hanno seguito l'evento in diretta sul canale Rai Sport.

Risultati senza ombra di dubbio soddisfacenti.