Sabato 18 maggio, l’ottava tappa del Giro d’Italia sarà la più lunga di questa edizione, 239 chilometri con partenza da Tortoreto Lido e arrivo a Pesaro. Viaggiando verso nord lungo la costa, la frazione è in pratica articolata con due gare in una. Ovvero, i primi 150 chilometri che sono pianeggianti e i restanti 90 che presentano un profilo più impegnativo. In questa seconda fase il percorso diventa ondulato e con una sequenza di salite e discese fino a 3 km dall’arrivo, lasciando spazio a più possibili soluzioni finali e qualche sorpresa.

Pubblicità
Pubblicità

L'ottava tappa del Giro inizierà alle 11:15, con arrivo previsto intorno alle 17:05. Come tutte le tappe del Giro 2019, anche la Tortoreto-Lido Pesaro sarà trasmessa in diretta tv su Rai Sport e Rai 2 (a partire dalle 14:30) e in diretta streaming su RaiPlay.

Il percorso dell’ottava tappa

Dopo una decina di chilometri dalla partenza a Tortoreto Lido, il Giro saluta l’Abruzzo e raggiunge San Benedetto del Tronto per proseguire su un lungo tratto pianeggiante sulle strade delle Marche, toccando tra le altre anche Civitanova, Porto Recanati e Ancona.

Pubblicità

A Senigallia e Calcinelli i traguardi volanti di giornata.

Al km 169 la salita di Monte della Mattera (10 km intorno al 3%) apre la più nervosa seconda fase di gara. Particolarmente insidiosi sono gli ultimi 40 chilometri che si snodano su strade a salire a scendere comprendenti gli strappi di Monteluro, Gabicce Monte e Monte San Bartolo, dal quale inizia una lunga discesa tecnica (circa 7 chilometri) che si conclude a 3 km dall’arrivo posto in viale della Repubblica a Pesaro.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ciclismo

I precedenti del Giro a Tortoreto e Pesaro

Tortoreto Lido torna ad essere città di partenza della 'Corsa Rosa' dopo l’esperienza del 2011. In quella edizione, la novantaquattresima della storia, con arrivo a Castelfidardo, la tappa fu vinta dal francese John Gadret, precedendo Joaquim Rodríguez e Giovanni Visconti con uno scatto da finisseur.

Pesaro, insieme a Bolzano, è la prima città in Italia per numero di spostamenti urbani in bici, e in virtù di ciò è anche conosciuta con il soprannome di Città della Bicicletta.

Un luogo così, pertanto, non può che vantare un legame solido, oltre che antico, con il Giro d’Italia. Pesaro è già stata città di arrivo della Corsa Rosa in quattro precedenti edizioni: la prima nel 1927 con Arturo Bresciani davanti a tutti al traguardo in una delle tre sole tappe, sulle quindici complessive, che non furono vinte da Alfredo Binda, maglia rosa dal primo all’ultimo giorno del Giro.

Pubblicità

Il secondo arrivo a Pesaro ci fu poi nel 1949, nel 1979, invece, il trionfo di Alan Van Heerden e nel 1986 l’ultimo precedente con vittoria di Guido Bontempi (sotto il video).

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto