Nella giornata di sabato 25 maggio 2019 si affronterà la 14ª tappa al 102° Giro d’Italia. Si tratterà della frazione di 131 Km da Saint-Vincent a Courmayeur. I corridori giungeranno in cima allo Skyway Monte Bianco dopo aver scalato altri 4 GPM. Sarà grande battaglia tra gli uomini di classifica, con quelli maggiormente attardati chiamati ad attaccare per mettere in difficoltà la maglia rosa. Ci si attenderà spettacolo di pubblico, per assistere al passaggio della carovana. Nell’attesa di scoprire cosa accadrà in gara, diamo uno sguardo dettagliato al percorso.

Pubblicità
Pubblicità

Planimetria e altimetria della 14ª tappa

Si partirà da Saint-Vincent e si andrà in direzione di Chambave, per affrontare la prima asperità di giornata. Si tratterà della salita di Verrayes (GPM di 2ª categoria), che misurerà 6,750 Km, con pendenze medie dell’8%. Circa a metà il tratto più impegnativo, con punte al 13%. Una volta arrivati in cima, si scenderà verso Nus, per poi restare a fondo valle fino ad Aosta, dove verrà posizionato il primo traguardo volante.

Pubblicità

Il tratto di 14 Km attorno al capoluogo sarà l’unico pianeggiante, per il resto saranno solo salite e discese. Una volta arrivati a Brenlo, si imboccherà la salita di Verrogne (GPM di 1ª categoria), che misurerà 13,8 Km, con pendenze medie del 7,1% e punte massime al 13%. Si giungerà a quota 1.582 metri di altitudine, per poi lanciarsi in discesa verso Saint-Pierre.

Superato l’abitato di Villeneuve, si affronterà l’ascesa verso Truc d’Arbe (GPM di 2ª categoria).

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ciclismo

La salita misurerà 8,2 Km, proponendo pendenze medie del 7% e punte massime al 12%. Successiva discesa fino ad Arvier, poi si salirà ancora fino a La Salle, dove avremo il secondo traguardo volante, e successivamente si giungerà a Morgex. A questo punto si scalerà il Colle San Carlo (GPM di 1ª categoria). Una salita di 10,5% molto impegnativa, con pendenze medie del 9,8% e punte massime al 15%. La picchiata porterà poi a La Thuile e Pré-Saint-Didier, da cui si prenderà la vecchia strada per Courmayeur.

L’arrivo non sarà piazzato nel centro abitato, bensì in prossimità della spettacolare funivia Skyway Monte Bianco (GPM di 3ª categoria). Ultimi 8 Km ancora impegnativi. Si salirà con pendenze medie al 6% per i primi 3 Km, dopodiché seguirà un tratto in falsopiano. I 3 Km conclusivi proporranno pendenze medie del 3% fino al traguardo.

Grande occasione per vedere qualche attacco importante da parte di qualcuno dei papabili al successo finale del Giro d’Italia.

Pubblicità

Pensiamo a quei corridori attardati come Simon Yates o Miguel Ángel López, che in occasione della cronometro Riccione-San Marino hanno perso molto tempo nei confronti di Primož Roglič. Lo sloveno del team Jumbo-Visma dovrà guardarsi le spalle e difendersi da qui in avanti, con diverse frazioni di montagna. La 14ª tappa verrà trasmessa in diretta tv sui canali della Rai. Una volta archiviata ci sarà la Ivrea-Como, lungo le strade simbolo del Giro di Lombardia.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto