Si concluderà a fine stagione la fortunata avventura di Elia Viviani alla Deceuninck Quickstep. Dopo due anni ricchi di successi, in cui si è inserito stabilmente tra i velocisti più forti e completi del gruppo, il veronese ha scelto l’offerta della Cofidis per continuare la sua carriera e concretizzare sul piano economico il grande salto di qualità di cui è stato protagonista. Viviani sarà seguito nella squadra francese da Fabio Sabatini, uno dei suoi gregari più validi, e questo colpo di ciclo mercato potrebbe dare la spinta decisiva al team per fare il salto nel World Tour.

Viviani: ‘Progetto ambizioso'

All’indomani della vittoria ottenuta alla Prudential Ride London, Elia Viviani ha confermato ufficialmente la notizia che era nell’aria da tempo, il passaggio alla Cofidis. La scelta di lasciare la Deceuninck Quickstep, con cui ha dato una svolta di qualità alla sua carriera ottenendo la bellezza di ventisei successi dall’inizio della stagione, è stata sofferta ma inevitabile.

La squadra belga si è trovata a fare delle scelte al momento dei rinnovi contrattuali e non ha potuto offrire a Viviani un aumento di ingaggio pari alla crescita dei suoi risultati. La Deceuninck ha privilegiato Julian Alaphilippe, che ha rinnovato a giugno con un consistente ritocco al rialzo, e non ha più avuto budget a sufficienza per esaudire le richieste di Viviani e del suo agente Giovanni Lombardi.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Ciclismo

Sull’ex tricolore era forte l’interesse della Cofidis già da alcuni mesi. La squadra francese vuole tornare nel World Tour e con Viviani può concretizzare il grande salto nella massima serie. La Cofidis ha offerto al campione olimpico della pista un ricco contratto e un progetto interessante, pur senza avere ancora la certezza di far parte del World Tour nel 2020.

Viviani ha però ottenuto di avere con sé Fabio Sabatini, uno dei migliori del gruppo nel ruolo di ultimo uomo con cui ha lavorato sia alla Liquigas che alla Deceuninck, ed anche la libertà di poter puntare alle Olimpiadi di Tokyo per cercare di confermare la medaglia d’oro vinta a Rio.

“Ho potuto vedere quanto la Cofidis si è impegnata a ingaggiarmi proponendomi un progetto ambizioso. Apprezzo molto il desiderio di creare una dinamica intorno a me e la fiducia che mi viene dimostrata con l’arrivo del mio amico Fabio Sabatini. Inoltre la maglia della Cofidis è tra le più storiche del gruppo ed è un orgoglio indossarla” ha dichiarato Viviani.

‘Sento di poter vincere di più al Tour’

Elia Viviani ha poi stilato già un programma per il 2020, la sua prima stagione in maglia Cofidis.

L’ex Campione d’Italia punterà essenzialmente sul Tour de France e su alcune classiche primaverili. “Anche se ho vinto una tappa quest’anno voglio vincere di più al Tour de France, sento di poter vincere di più” ha dichiarato il velocista veronese. “In termini di classiche ci sono due gare che sogno di vincere, la Milano Sanremo e la Gand Wevelgem. Questi saranno i miei principali obiettivi nella prossima stagione con il team Cofidis” ha continuato Viviani, che tornerà a correre domenica 11 agosto ai Campionati Europei in programma ad Alkmaar, in Olanda.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto