In questo lungo periodo di blocco della stagione del Ciclismo per l’emergenza sanitaria si è tornati spesso a parlare delle corse e degli episodi più discussi del passato. Intervenendo alla tv belga Sporza, sempre molto attiva nel mondo del ciclismo, il corridore della Circus Wanty Goubert, Jan Bakelants, ha parlato della famosa tappa con arrivo sul Mont Ventoux al Tour de France 2000, quella dell’indimenticabile duello tra Lance Armstrong e Marco Pantani. La corsa si concluse con un Armstrong pago di aver difeso e consolidato la sua maglia gialla e con la vittoria di tappa dello scalatore romagnolo.

Quel finale suscitò poi molte polemiche, tra il plateale pentimento del texano per non aver conteso al rivale il successo di tappa e la sonora rivincita presa da Pantani qualche giorno dopo a Courchevel.

Jan Bakelants: ‘Che corsa emozionante’

In questo strano mese di luglio senza il Tour de France, il mondo del ciclismo torna a scavare nel passato e a riproporre le pagine più leggendarie della corsa. La tv belga Sporza sta trasmettendo una serie di speciali sulla storia della Grande Boucle, sulle tappe più belle e discusse commentate anche dai corridori di oggi. Nell’ultima puntata, in cui è intervenuto il ciclista belga Jan Bakelants, si è parlato del Mont Ventoux e dell’arrivo del Tour 2000, uno dei più chiacchierati e polemici tra i tanti avvenuti sulla montagna provenzale.

Lance Armstrong era già in maglia gialla, ma quel giorno si trovò di fronte a Marco Pantani per la prima vera sfida diretta della loro carriera. Dopo essersi staccato nelle fasi centrali della scalata al Ventoux, Pantani recuperò e attaccò più volte l’americano. I due rimasero da soli in testa alla corsa finchè sul traguardo Armstrong, pago della sua maglia gialla sempre più solida, non contese realmente la vittoria di tappa a Pantani, che conquistò così il successo.

“È stata una corsa molto emozionante. Pantani era alla ricerca di se stesso dall’inizio della stagione e improvvisamente si trovò a giocarsela con Armstrong” ha ricordato a Sporza Retro Jan Bakelants, che all’epoca aveva 14 anni.

‘Solo Merckx aveva vinto in giallo sul Ventoux’

Nei giorni successivi a quella tappa Lance Armstrong dichiarò apertamente di aver fatto vincere Pantani e di essersi pentito di quella scelta.

Jan Bakelants ha dato un grande peso al gesto del corridore americano, nonostante ora tutti i suoi successi siano stati cancellati dalla squalifica a vita per doping.

“Penso che Armstrong abbia più rimpianti per aver regalato quella vittoria sul Mont Ventoux che per tutto quello che è successo dopo a causa del doping” ha dichiarato il ciclista belga.

“Poteva vincere sul Mont Ventoux in maglia gialla, solo Eddy Merckx c’è riuscito. Il Ventoux è un arrivo mitico, ha regalato qualcosa di davvero unico” ha commentato ancora Bakelants, il quale non ha nascosto la sua simpatia per il corridore texano anche ora che il suo nome è stato depennato dall’albo d’oro del Tour de France. “Sono sempre stato un grande fan di Armstrong, quel periodo era così e non possiamo cambiarlo” ha dichiarato Bakelants spiegando che, secondo lui, il ricorso al doping non ha modificato i valori in campo.

Segui la pagina Ciclismo
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!