La lista delle corse di Ciclismo che sono state annullate o posticipate in questa stagione 2021 comincia ad allungarsi in maniera preoccupante. Dopo le gare australiane, su tutte il Tour Down Under che segnava solitamente l’avvio del World Tour, l’emergenza sanitaria ha costretto anche alcuni organizzatori di gare europee a cedere alle norme in vigore per contenere i rischi di contagio. La data della ripresa dell’attività professionistica è ancora molto incerta. In Europa la prima corsa sarebbe dovuta essere la Challenge Maiorca, gara in quattro prove che si tiene a fine gennaio, ma l’organizzazione ha dovuto annullare l’evento tenendo aperta la possibilità di un recupero a maggio.

Hernandez: ‘Profondamente dispiaciuti’

La Challenge Maiorca è una corsa di quattro giorni che da trent’anni segna l’avvio della stagione del ciclismo professionistico in Europa. Grazie ai percorsi tecnicamente validi e al buon clima maiorchino, la corsa ha attirato un interesse sempre maggiore da parte dei grandi corridori e del pubblico. In quattro giorni vengono alternate corse più adatte ai velocisti ed altre più impegnative, con la possibilità per le squadre di ruotare lo schieramento dei corridori in ogni gara. Per questo la Challenge Maiorca è diventata un appuntamento così importante delle fasi iniziali della stagione, arricchita da grandi firme nell’albo d’oro, come Freire, Gilbert, Kittel, Cancellara e Valverde.

Quest’anno la corsa si sarebbe dovuta tenere dal 28 al 31 gennaio, con la presenza tra gli altri anche di Tadej Pogacar, ma le nuove norme emanate in Spagna per contenere l’emergenza sanitaria hanno costretto l’organizzazione alla resa.

“Siamo profondamente dispiaciuti di dover prendere questa decisione” ha dichiarato il direttore della corsa Manuel Hernandez annunciando l’annullamento. “La situazione attuale ci costringe ad assumerci la responsabilità e a dare la priorità alla salute di tutti coloro che sono coinvolti nella corsa” ha aggiunto Hernandez.

Possibile recupero a maggio

Il direttore della Challenge Maiorca ha annunciato anche che cercherà di recuperare la corsa dal 13 al 16 maggio, quando si spera che la situazione sia più tranquilla sul fronte sanitario. L’annullamento della corsa spagnola si aggiunge ai tanti già decisi nelle scorse settimane, che riguardano altre prove della prima parte della stagione.

La trasferta australiana che solitamente apre il calendario internazionale è stata di fatto interamente cancellata. Non ci sarà il Tour Down Under, gara di apertura del World Tour a metà gennaio, e neanche la gara in linea che si svolgeva di seguito, la Cadel Evans Great Ocean Road Race. È in bilico anche la partenza della stagione in Sud America, dove è in programma la Vuelta San Juan, gara a tappe argentina. La corsa potrebbe svolgersi regolarmente dal 24 gennaio, ma forse senza le squadre straniere, relegandola di fatto a diventare un evento minore.

In Europa il ciclismo avrebbe dovuto aprire il sipario con la Challenge Maiorca, ma dopo l’annullamento della corsa spagnola il primo appuntamento in calendario diventa il Gp Marseillaise, gara in linea francese in programma il 31 gennaio.

Segui la pagina Ciclismo
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!