Continua l'anno di grandi successi sportivi per l'Italia: nel pomeriggio di questo mercoledì 6 ottobre, Letizia Paternoster ha ottenuto la medaglia d'argento nella finale degli Europei di Ciclismo su pista, nella specialità dell'eliminazione.

L'italiana ha perso la medaglia d'oro non riuscendo a superare nella finalissima a due la francese Fortin, nuova campionessa europea.

Per l'Italia quella di Letizia è la prima medaglia in questi europei

Ai nastri di partenza della gara, in Svizzera, si sono presentate in 17, tra cui proprio Paternoster. La specialità a eliminazione, come dice il nome stesso, implica che dopo ogni due giri venga eliminata la ciclista che taglia il traguardo per ultima.

Durante la corsa vi sono state diverse cadute, che hanno costretto le atlete a fermare la propria corsa in diverse occasioni. Nel bel mezzo della gara, poi, Letizia ha anche rischiato l'eliminazione, riuscendo comunque a scamparla, con l'eliminazione che ha coinvolto la lituana Baleysite.

L'Italia ha capito che avrebbe portato a casa la prima medaglia di questi Europei quando è stata eliminata la polacca Plosaj, facendo rimanere in corsa solo tre cicliste (tra cui appunto Paternoster). Una gara, quella dell'azzurra, che è stata di ottimo spessore, anche se è mancato probabilmente lo spunto finale per riuscire a portare a casa la medaglia più prestigiosa.

Letizia Paternoster: 'Tanto soddisfatta, per me questa medaglia è un nuovo inizio'

Alla fine della corsa Letizia si è detta assolutamente soddisfatta e ha ricordato come tale gara sia arrivata dopo un ultimo biennio "molto difficile". Per questo motivo, la medaglia odierna va intesa come un nuovo inizio, una sorta di percorso che possa portarla a raggiungere i suoi obiettivi e aspirazioni.

Paternoster non ha poi nascosto la sua insofferenza per le numerose interruzioni (ben tre) che hanno contraddistinto la corsa. Letizia ha infatti ammesso di essere stata "penalizzata molto", in quanto è una specialità che le permette di uscire bene "sul lungo". Tuttavia, comunque, l'azzurra ha sottolineato come la ciclista francese Fortin abbia mostrato di avere più gamba, facendo dunque intendere che il risultato sarebbe stato comunque il medesimo anche senza le pause dovute alle cadute.

L'Europeo di ciclismo su pista in corso in Svizzera, intanto, prosegue con le gare. Nella giornata di domani, giovedì 7 ottobre, sono in programma altre finali importanti, come quella dello Scratch maschile, dello Sprint femminile, del Pursuit individuale maschile. Attese anche le finali Omnium di eliminazione femminile e della corsa a punti femminile.