Nelle ultime edizioni il Giro d'Italia ha dato una frenata alle partenze dall'estero, che fino a qualche anno fa venivano proposte spesso. Dopo la partenza del 2018 da Gerusalemme, l'emergenza sanitaria ha costretto a un cambio netto di programmazione per facilitare l'organizzazione e la logistica. L'ultima volta che il Giro è partito dall'estero è stato nel 2022, con il via fissato da Budapest. Lo scorso anno la corsa rosa è scattata dall'Abruzzo e nel prossimo maggio toccherà al Piemonte. Per il Giro d'Italia 2025 potrebbe ripresentarsi l'occasione per una nuova partenza fuori dai confini nazionali.

L'Albania sarebbe infatti la candidata più credibile per ospitare le prime tappe.

Ipotesi Albania e poi Abruzzo

Durante la trasmissione di Rai Sport Radiocorsa, il giornalista Beppe Conti ha rivelato il piano che porterebbe il Giro d'Italia 2025 a sbarcare in un paese che finora è rimasto ai margini del ciclismo professionistico. L'Albania non ha mai ospitato corse World Tour e non ha mai avuto corridori professionisti di primo piano. Uno dei pochi corridori di buon spessore del paese balcanico è stato Eugert Zhupa, pro per alcune stagioni con la Wilier Triestina.

L'Albania sarebbe però interessata ad affacciarsi al grande Ciclismo ed avrebbe scelto il Giro d'Italia come mezzo di promozione per questo progetto.

Anche nel recente incontro tra il Presidente del Consiglio Giorgia Meloni e il primo Ministro albanese Edi Rama si sarebbe parlato della partenza del Giro d'Italia dall'Albania. La corsa rosa resterebbe nel paese balcanico per i primi tre giorni, poi la carovana attraverserebbe quindi il mar Adriatico per ripartire dall'Abruzzo.

Le partenze dall'estero del Giro d'Italia

L'idea delle partenze estere del Giro fu lanciata da Vincenzo Torriani, patron della corsa rosa fino agli anni ottanta. Ufficialmente la prima volta in cui la corsa scattò fuori dai confini nazionali è stata nel 1965, con la partenza da San Marino, a cui seguì un anno più tardi quella dal Principato di Monaco.

Fu però l'edizione del 1973 a sdoganare veramente le partenze estere. In quella edizione, Torriani disegnò un Giro davvero internazionale, con il via da Verviers, in Belgio, e poi il passaggio in Olanda, Lussemburgo, Francia e Germania. Particolarmente suggestiva fu la partenza da Atene nel 1996, quando la corsa omaggiò il centenario delle Olimpiadi moderne.

Ecco la sequenza delle partenze estere del Giro

  • 1965 - San Marino
  • 1966 - Principato di Monaco
  • 1973 - Verviers, Belgio
  • 1974 - Città del Vaticano
  • 1996 - Atene, Grecia
  • 1998 - Nizza, Francia
  • 2002 - Groningen, Olanda
  • 2006 - Seraing, Belgio
  • 2010 - Amsterdam, Olanda
  • 2012 - Herning, Danimarca
  • 2014 - Belfast, Irlanda
  • 2016 - Apeldoorn, Olanda
  • 2018 - Gerusalemme, Israele
  • 2022 - Budapest, Ungheria.