È notizia di ieri che la Camera dei Deputati con una votazione plebiscitaria ha approvato in via definitiva il disegno di legge sulla cosiddetta delega fiscale. L'idea è quella di rendere il fisco più equo e trasparente attraverso una vera e propria riscrittura del sistema fiscale italiano, ma allo stesso tempo di non dare nuovi oneri di spesa allo Stato. La delega fiscale, dunque, di cui però devono essere emanati i decreti attuativi, promette una riorganizzazione in un numero elevato di ambiti. In questo articolo noi analizzeremo quali sono per il 2014 le #Detrazioni fiscali proposte e previste per quanto riguarda scontrini e fatture.

Se da un lato la delega fiscale rappresenta una vera e propria rivoluzione dell'intero sistema fiscale, dall'altro, soprattutto con la norma sulle detrazioni fiscali per scontrini e fatture, rappresenta anche un tentativo di mettere in campo un dispositivo di lotta all'evasione fiscale.

L'unico dubbio resta sempre lo stesso. La delega fiscale non ha alcun valore finché non vengono emanati i cosiddetti decreti attuativi che normano l'applicazione delle indicazioni contenute all'interno della legge. Insomma, il timore resta sempre lo stesso, la debolezza del governo Renzi.

Detrazioni fiscali 2014: scontrini e fatture, quali novità?

Secondo quanto contenuto all'interno del Ddl sulla delega fiscale aumenta l'ambito delle detrazioni fiscali per quanto riguarda scontrini e fatture. Il tentativo è quello di rendere i cittadini più attenti all'emissione di scontrini e fatture fiscali, in quanto, grazie ad essi, possono accedere a vantaggi nell'ambito della detraibilità fiscale.

Cosa cambia innanzitutto? Il fatto che a essere soggetti a detrazioni fiscali #Irpef non saranno più soltanto lavori di ristrutturazione o volti al risparmio energetico ma anche tutta una serie di altri lavori.

I migliori video del giorno

Per fare un esempio sicuramente un po' naïf, il tentativo del governo è quello di contrastare l'evasione fiscale di alcune categorie di lavoratori che offrono determinati servizi: ad esempio l'idraulico o il tappezziere che, in cambio di uno sconto sui lavori, non emettono fattura ai fini fiscali. Nel momento in cui, però, tali fatture per tali tipologie di lavori saranno effettivamente detraibili ai fini fiscali IRPEF, si spera che saranno di più i cittadini a richiederne l'emissione.

Detrazioni fiscali 2014: scontrini e fatture, i tempi?

Per quanto riguarda i tempi mediante i quali questi provvedimenti diventeranno esecutivi, non è possibile dirlo. Come abbiamo già accennato, per rendere operative le riforme della detraibilità fiscale su scontrini e fatture bisognerà attendere i decreti attuativi. Il governo Renzi ha a disposizione 12 mesi per farlo. Staremo dunque a vedere.