La normativa che dava la possibilità ai cittadini di rifornirsi di carburante pagando tranquillamente con le carte elettroniche senza dover incorrere in nessuna commissione era bloccata dalla legge 201/2011: purtroppo il decreto in questione era transitorio, infatti la Gazzetta Ufficiale numero 75, pubblicata in data 31 marzo 2014 ha annunciato l'interruzione dell'ordinanza in base alla norma 51/2014.

Pietro Giordano, presidente nazionale dell'associazione Adiconsum, ha dichiarato che tutto ciò ha dell'inverosimile e non è accettabile, dato che sia i cittadini che le Associazioni dei Consumatori dovevano essere avvertite e chiamate in causa.

Inoltre Giordano ha continuato dicendo che i pagamenti effettuati con bancomat e carte di credito sono un sistema efficacie per riuscire a debellare l'evasione fiscale e diminuire gli importi inerenti all'utilizzo del denaro contante.

Si è precisato, inoltre, che ancora non si è a conoscenza di quanto consiste la somma totale per la commissione: se ricordate nel lasso di tempo in cui era a titolo gratuito si aggirava sui 0.77 centesimi ad ogni rifornimento di benzina.

Le Associazioni dei Consumatori si aspettano di poter discutere insieme ai Consumatori stessi e ad ogni stakeholders responsabili di questa spiacevole circostanza. Staremo a vedere come si svolgeranno i fatti e se dovremmo aspettarci dei cambiamenti nel prossimo futuro.