Il taglio dell'#Irpef 2014 e il bonus in busta paga che dovrebbe arrivare a partire dallo stipendio di maggio per tutti i lavoratori dipendenti e assimilati è una delle misure più attese del governo Renzi, che su questo provvedimento ha puntato moltissimo. Oggi sarà varato il decreto legge e sarà più chiaro come sarà strutturato il bonus e quali saranno le coperture, ma già adesso si sa quanto si guadagnerà davvero.

E va subito detto che il taglio dell'Irpef 2014 non produrrà quel bonus in busta paga che era stato promesso all'inizio, visto che gli 80 euro di aumento avrebbero dovuto essere la media, e saranno invece la punta massima che si potrà guadagnare, una differenza non da poco.

Ecco quindi quanto si guadagnerà davvero secondo la bozza del decreto.

Il taglio dell'Irpef 2014 porterà nella busta paga di chi guadagna circa 5mila euro lordi l'anno 22 euro, per il 2014, e 21 euro al mese di bonus per il 2015. Poi si sale, visto che per chi guadagna 7mila euro l'aumento sarà di 31 euro per il 2014 e 29 per il 2015, e per chi arriva a 8mila euro sarà rispettivamente di 35 e 33 euro. Numeri quindi più bassi di quelli che erano stati originariamente previsti, e che fino ai diecimila euro l'anno non superano i 40 euro al mese.

Il taglio dell'Irpef 2014 inizia a produrre aumenti in busta paga più importanti a partire dai 12mila euro di stipendio l'anno si arriva a circa 50 euro di bonus al mese, chi arriva a 15mila euro l'anno raggiunge oltre 60 euro. Dai 18mila ai 24mila euro lordi l'anno il bonus si fa più consistente, visto che è proprio per chi rientra in questa fascia di reddito che l'aumento diventa dei famosi 80 euro al mese.

I migliori video del giorno

Dopodiché si ricomincia a scendere: 66 euro per chi guadagna oltre 25mila euro, 45 euro per chi ne guadagna 26mila, 20 euro per chi ne guadagna 27mila. Dai 28mila euro l'anno in poi, non ci saranno cambiamenti in busta paga.