Sarà il 31 maggio 2014 l'ultima data utile per il pagamento senza sanzioni e interessi di mora delle cartelle di Equitalia in un'unica soluzione. Inizialmente la data fissata per la cosiddetta "rottamazione" era quella del 28 febbraio, spostata successivamente al 31 marzo ma vista la buona adesione da parte dei contribuenti, anche se inferiore alle aspettative, si è deciso di prorogare ulteriormente la scadenza dell'iniziativa. Sono stati infatti circa 75.000 i cittadini che si sono rivolti ad Equitalia per il pagamento delle cartelle con entrate stimate per circa 350 milioni di euro.

Ricordiamo che è possibile effettuare il versamento solo delle cartelle rese esecutive e delle ingiunzioni fiscali ricevute entro il 31 ottobre 2013 e che non tutte le tipologie di iscrizione a ruolo potranno essere inserite nella rottamazione.

Ecco i casi in cui si potrà usufruire dell'iniziativa: innanzitutto i tributi relativi alle Agenzie Fiscali quali agenzia delle entrate, delle Dogane e del Territorio. Sempre nella rottamazione rientrano gli Enti Locali quali Regioni, Province e Comuni oltre che gli Uffici Statali quali ad esempio i Ministeri (come il Ministero delle Infrastrutture).

E' possibile effettuare il pagamento in un'unica soluzione anche di imposte quali IVA e IRPEF, anche se già in presenza di rateazione. In questo caso si paga il restante dovuto ma anche l'aggio e le spese di riscossione. Non rientrano invece nell'iniziativa i tributi legati ai contributi INPS e INAIL.

Il pagamento può essere effettuato presso tutte le sedi Equitalia o presso gli uffici postali con l'apposito bollettino F35, completo di codice fiscale.

I migliori video del giorno