E' stato confermato per il 16 giugno 2014 il pagamento della #Tasi, la nuova tassa dei Comuni che interesserà tutti i contribuenti italiani proprietari di prima casa, seconde case, capannoni, negozi e aziende.

In definitiva si tratterà di una nuova #imu ma verrà giustificata come pagamento dei servizi garantiti dai Comuni. Per questo, proprio a differenza dell'odiata Imu, dovrà essere pagata sia dai proprietari delle abitazioni che dagli stessi inquilini, ai quali spetterà comunque una percentuale inferiore ovvero compresa tra il 10% e 30%.

Per calcolare la cifra che dovrà essere pagata, si dovrà partire dall'importo relativo alla rendita catastale dell'immobile (ricordiamo ancora: anche la prima casa!) alla quale dovrà essere aggiunta la percentuale del 5%.

A tale importo bisognerà successivamente applicare l'aliquota stabilita da ogni singolo Comune sottraendo poi eventuali detrazioni. Se il tutto verrà applicato correttamente, non dovrebbe trattarsi di importi eccessivamente alti nei casi di famiglie con detrazioni rilevanti.

La data entro la quale i Comuni dovranno rendere note le aliquote e le detrazioni è stata fissata per il 31 maggio. Va tuttavia ipotizzato che nei paesi nei quali sono previste le Elezioni Amministrative, difficilmente queste misure verranno rese note prima del 25 maggio, per evitare di ottenere impopolarità dall'elettorato. Nei casi quindi di mancata delibera delle aliquote, essere dovranno essere considerate pari all' 1%.

La prima scadenza della Tasi è stata quindi fissata per il 16 giugno, mentre la seconda dovrà essere effettuata il 16 dicembre (comprendendo eventuali conguagli).

I migliori video del giorno

Il pagamento potrà essere effettuato presso tutti gli uffici postali o presso gli istituti bancari con il modello F24.