Il suo nome fa venire i brividi ai contribuenti di tutta Italia, o meglio, faceva venire i brividi, perchè dovremo parlare ormai al passato: Equitalia, infatti, ci saluta (a dire il vero senza troppi rimpianti) visto che l'ente per la riscossione dei crediti verrà assorbita dall'agenzia delle entrate che, dunque, allargherà le proprie dimensioni, come viene prospettato. Vediamo in dettaglio cosa cambierà



Equitalia più Agenzia delle Entrate, cambierà qualcosa

Innanzitutto, possiamo dire che il cambiamento sarà soprattutto a livello burocratico e strutturale: l'accorpamento di Equitalia con l'Agenzia delle Entrate comporterà principalmente un cambio della guardia a livello dirigenziale.

Attilio Befera, come del resto ventilato negli ultimi mesi, lascia il suo posto (probabilmente lo rivedremo all'Istituto Poligrafico dello Stato) per consegnare il testimone al suo attuale vice, Marco Di Capua.



Ciò che però forse interesserà più agli italiani saranno gli 'effetti fiscali' che questo cambiamento porterà nei prossimi mesi: se pensiamo che tutto ciò possa significare una resa nella lotta all'evasione fiscale ci sbagliamo di grosso. 

Possiamo dire che cambieranno le metodiche per quanto riguarda gli accertamenti fiscali (più controlli incrociati sulle banche dati) e forse meno blitz clamorosi. 

In ogni caso, questo cambiamento sarà sicuramente applaudito dal Movimento Cinque Stelle che, più volte, aveva incoraggiato l'abolizione di Equitalia: tra l'altro, proprio martedì prossimo, alla Camera, arriverà il disegno di legge promosso dai grillini che parla proprio della 'Soppressione della società Equitalia S.p.a.'.

E non scordiamoci l'importante 'fattore elezioni europee', visto che martedì prossimo sapremo anche come è andata a finire con il voto.

I migliori video del giorno