E' atteso per oggi alla Camera il sì definitivo sull'ormai famoso Decreto #Irpef del governo Renzi che, dopo aver ottenuto ieri la fiducia, verrà approvato nella giornata di oggi. Il provvedimento più noto agli italiani è quello relativo al bonus di 80 euro in busta paga, ma, in realtà, la legge contiene molte altre novità che andiamo ora ad analizzare.



Governo Renzi, decreto Irpef, tutti i punti: Irap, fattura elettronica, Equitalia

Vediamo dunque, punto per punto, quali sono tutti i provvedimenti inclusi nel decreto Irpef.

Come anticipato nelle scorse settimane, il bonus degli 80 euro per le famiglie monoreddito con almeno due figli è stato rinviato alla legge di stabilità del 2015. 

Ecco le altre novità: #Matteo Renzi

  • Irap - Riduzione delle aliquote Irap a partire dal 2014 per le imprese, banche, assicurazioni e autonomi;
  • Rendite finanziarie - Conferma dell'aumento a partire dal prossimo 1 luglio della tassazione sugli interessi e capital gain (dal 20 al 26 per cento, esclusi i titoli di Stato);
  • Bonifici dall'estero - Eliminato l'obbligo per gli intermediari residenti all'estero di applicare la ritenuta del 20% (già sospeso dallo scorso febbraio dal Mef);
  • Rivalutazione dei beni d'impresa - Torna il pagamento in tre rate dell'imposta (16 giugno, 16 settembre e 16 dicembre);
  • Passaporti - Eliminazione della marca da bollo annuale da 40,29 euro ma passaporto più caro: oltre al costo del libretto, andrà versata una tassa pari a 73,50 euro;
  • Quote Bankitalia - Assicurazioni e banche dovranno versare in un'unica soluzione l'imposta sulla rivalutazione delle quote Bankitalia (aliquota 26%);
  • Riconoscimento cittadinanza italiana - Si pagherà un diritto pari a 300 euro per il riconoscimento di persona maggiorenne; 
  • Riscossione F24 - Taglio alle commissioni riconosciute dall'erario a banche ed intermediari;
  • Compensazioni - Obbligo di utilizzo del modello F24 online per versamenti superiori ai 1000 euro o per compensazioni con saldo positivo (decorrenza dal 1 Ottobre 2014);
  • Rateazioni Equitalia - entro il 31 luglio 2014 i contribuenti che sono decaduti dal beneficio della rateizzazione dei debiti fiscali (scadenza massima 22 giugno 2013), potranno richiedere un nuovo piano di rateazione;
  • Canoni spiagge - Posticipata al 15 settembre 2014 la scadenza per il pagamento del canone per la concessione demaniale marittima, scaduto lo scorso 27 aprile;
  • Stipendi manager pubblici - dal 1 maggio scorso, stipendio con tetto massimo pari a 240mila euro lordi;
  • Tassazione agro-energie - La base imponibile sarà pari al 25% dei corrispettivi delle operazioni soggette a registrazione Iva;
  • Fatturazione elettronica - Anticipato al 31 marzo 2015 (precedente 6 giugno 2015) l'obbligo della fattura elettronica per i pagamenti dovuti dalla PA.