La scadenza della prima rata della #Tasi 2014 è fissata per il 16 giugno nei Comuni dove sono state deliberate le aliquote, mentre per gli altri casi -che sono la maggioranza- se ne riparla a ottobre. Vediamo quindi come pagare la Tasi con F24, con i bollettini in Posta o dal sito di #poste italiane.

Ricordiamo che la Tasi si paga sulla prima casa ed insieme alla Tari fa parte della Iuc; sulle seconde case, sulle prime case se di lusso e su altre tipologie di immobili c'è anche l'Imu, la cui scadenza per la prima rata è fissata al 16 giugno senza proroghe in quanto le aliquote sono già state decise.

Tasi, pagamento con F24

Le istruzioni per pagare la Tasi col Modello F24 sono abbastanza semplici:

  • la parte del modello F24 da compilare è la sezione "Imu e altri tributi locali"
  • inserite il codice catastale del Comune dove è situato l'immobile per il quale pagate l'imposta nello spazio "codice ente/codice comune"; se non lo conoscete, potete telefonare all'ufficio informazioni del municipio o usare l'apposito servizio sul sito dell'Agenzia delle Entrate
  • nello spazio "anno di riferimento" scrivete l'anno d'imposta, 2014 in questo caso
  • se pagate la prima rata di acconto e poi a dicembre la seconda rata a saldo, barrate lo spazio "Acc", mentre se optate per il pagamento in una sola soluzione entro il 16 giugno barrate anche "Saldo"

Vi serviranno i codici tributo Tasi, da indicare nell'apposito spazio sull'F24: li potete reperire dalla guida Calcolo e codici Tasi, dove anche trovate le istruzioni per calcolare quanto dovrete pagare.

Tasi, pagamento con bollettini in Posta o dal sito

Teoricamente i Comuni avrebbero dovuto inviare il bollettino precompilato ai contribuenti, ma così non è stato: dovete quindi andare in un ufficio postale o fare dal sito di Poste Italiane, in entrambi i casi il bollettino è precompilato.

Pagare la Tasi col bollettino in Posta

Troverete un bollettino apposito con già scritto il numero di conto corrente sul quale verranno versati i soldi.

Voi dovrete indicare i vostri dati angrafici, il vostro codice fiscale, il codice del Comune sul quale sorge l'immobile (cfr sopra).

In ogni bollettino Tasi c'è spazio per più immobili, divisi per tipologia (abitazione principale, immobili rurali, aree fabbricabili, altri fabbricati): voi dovrete indicare il numero di immobili per i quali pagate per ogni tiologia catastale, l'importo per tipologia, se pagate la prima rata di acconto o con rata unica, se avete diritto alle detrazioni per l'abitazione principale.

I migliori video del giorno

Pagare la Tasi dal sito di Poste Italiane

In questo caso occorre essere titolari di un Conto BancoPosta, di carte di credito VISA e MasterCard o di una carta Postepay.

La procedura è la stessa, tanto che trovate un bollettino virtuale identico a quello cartaceo, che andrebbe stampato in quanto prova del pagamento; c'è anche una comunicazione testuale che indica i vari dati e che vale anch'essa come "ricevuta".