Sempre più completo il quadro delle aliquote Tasi 2014, per Roma, Milano, Palermo e Napoli, vediamo le aliquote sulla casa della tassa sui servizi indivisibili, e le istruzioni per calcolare la Tasi passo per passo. Ricordiamo che la lista completa e definitiva delle aliquote Tasi dei comuni italiani sarà pubblicata sul sito del Ministero delle Finanze entro il 18 settembre 2014, e che il pagamento della tassa, in tutti i comuni dove si è deliberato entro il 10, ma non a maggio, va effettuato entro il 16 ottobre 2014.

Aliquote Tasi 2014 a Roma, Milano, Palermo e Napoli: comune per comune, i numeri della tassa

Nel comune di Roma l'aliquota Tasi 2014 è stata fissata, sulla prima casa, al 2,5 per mille, mentre sulla seconda abitazione è all'11,4 per mille, con detrazioni da 30 euro (immobili con rendita catastale tra 651 e 1500 euro) a 110 euro (edifici con rendita pari o inferiore a 450 euro).

L'aliquota Tasi 2014 a Milano è stata stabilita dal comune al 2,5 per mille, con detrazioni che determinano l'esenzione, si stima, di 22 mila prime abitazioni, nonché sconti basati sul numero di figli a carico. Nel comune di Palermo la Tasi 2014 ha aliquota al 2,89 per mille, invece, con detrazioni per rendite catastali fino a 100 euro e 20 euro di sgravi per figli minorenni, anziani sopra i 70 anni e figli disabili. Per concludere, nel comune di Napoli la Tasi 2014 ha aliquota al 3,3 per mille, e al 6 per mille per gli immobili considerati di lusso. A Napoli, secondo la Cgia, la Tasi comporterà un risparmio di 165 euro in media per le famiglie.

Calcolo Tasi 2014, istruzioni passo passo per i vari comuni

Come calcolare la Tasi 2014? Ecco le istruzioni generiche cui vanno applicati i differenti dati e parametri propri dell'abitazione e del proprio comune di residenza.

I migliori video del giorno

Si parte con il rivalutare la rendita catastale dell'immobile oggetto del pagamento del 5% (basta moltiplicare il valore per 1,05), quindi si passa a moltiplicare il tutto per il coefficiente proprio della tipologia immobiliare cui appartiene l'edificio (esempio: 160 per le abitazioni), quindi si applica l'aliquota decisa dal proprio comune di residenza. Non finisce qui: per calcolare la Tasi 2014 e pagarla a Roma, Milano, Palermo, Napoli o in qualunque altro comune d'Italia, occorre sottrarre a questo punto l'importo delle eventuali detrazioni cui si ha diritto e calcolare, eventualmente, la parte di tassa da pagare a carico dell'inquilino (in caso l'immobile sia in affitto). Per finire, se si deve pagare la prima rata della tassa o la seconda, e non in soluzione unica il 16 dicembre (caso raro ma non impossibile), allora si dovrà dividere il valore ottenuto per due.