È prevista per il prossimo 16 ottobre 2014 la prossima scadenza dell'acconto #Tasi. In molti dovranno pagare, anche se per sapere se si rientra tra i cittadini chiamati ad effettuare il versamento bisogna verificare le disposizioni del proprio Comune. Ricordiamo che la Tasi fa parte del nuovo tributo unico istituito per il 2014, ovvero dalla IUC. Questo nuovo balzello a sua volta è composto da Imu (che resta in vigore solo per le seconde case), Tari (ovvero la vecchia tares sui rifiuti) e appunto la nuova Tasi, che servirà a finanziare i servizi comunali, come ad esempio la manutenzione delle strade. Già a questo punto si potrebbe sottolineare quanto cervellotica e complessa sia la normativa legata alla fiscalità locale; come se non bastasse, anche il calcolo della stessa Tasi sembra tutt'altro che lineare.

Capire quanto pagare per la Tasi 2014: ecco come si effettua il calcolo

Per prima cosa, vediamo di distinguere i possibili destinatari del nuovo tributo. La Tasi 2014 dovrà essere pagata da proprietari di prima e seconda casa, nonché (vera novità per quest'anno) anche dagli inquilini. Per quest'ultimi sarà il Comune a decidere se garantire un'area di esenzione, oppure se farli partecipare in un range che però non potrà eccedere il 30% di quanto spetta da pagare al proprietario. Per quanto riguarda il calcolo vero e proprio, è necessario prendere come riferimento le rendite catastali dell'immobile, moltiplicarle per 160 e poi rivalutare quanto ottenuto del 5%. A questo punto si possono applicare le aliquote e le eventuali detrazioni, sulla base di quanto deliberato dal Comune di riferimento.

I migliori video del giorno

Acconti TASI 2014, scadenze e modalità di pagamento

Come già anticipato, per moltissimi cittadini (laddove previsto dal Comune) il prossimo acconto Tasi scadrà il 16 ottobre 2014, mentre il saldo finale dovrà essere corrisposto entro il 16 dicembre. Il pagamento potrà essere effettuato tramite bollettino postale o modello bancario F24. Riguardo al primo, è possibile reperire il modulo precompilato in qualsiasi ufficio postale. Verificate che il conto corrente di riferimento corrisponda al numero 1017381649, dopodiché compilate debitamente e conservate la ricevuta nel caso di eventuali accertamenti. Per la compilazione dell'F24, i codici tributi da utilizzare sono i seguenti:

  •  3958 su abitazione principale e pertinenze;
  • 3961 su altri fabbricati;
  • 3959 su fabbricati rurali ad uso strumentale;
  • 3960 sulle aree edificabili.

In caso di dubbi potete rivolgervi ai CAF, a un commercialista o agli uffici tributi dei rispettivi Comuni, che per la novità hanno quasi sempre previsto di mettere a disposizione una parte del personale, per offrire informazioni in merito alla Tasi e talvolta per aiutare i contribuenti ad effettuare il calcolo o la compilazione dei moduli di pagamento.