Ecco come calcolare la Tasi 2014 a Ravenna, Prato, Ragusa e Potenza, con le aliquote Tasi sulla prima casa e le detrazioni comune per comune. La rata d'acconto della tassa sui servizi che al fianco di Imu e Tari compone la IUC dovrà essere pagata, da Ravenna a Prato a Potenza (Ragusa è un caso particolare, come vedremo), entro il 16 ottobre, mentre il saldo dovrà essere versato entro il 16 dicembre (come per l'Imu). Per ogni comune l'aliquota riportata fa riferimento all'abitazione principale; per quelle su altri immobili o fabbricati rurali strumentali rimandiamo alla delibera comunale sul sito del MEF.

Aliquote Tasi 2014 a Ravenna e Prato e detrazioni nei due comuni

Nel comune di Ravenna la Tasi ha aliquota sulla prima casa al 3,3 per mille e sono previste diverse tipologie di sgravi.

Le detrazioni Tasi 2014 a Ravenna sono state deliberate dal comune entro il seguente schema: 140 euro per edifici con rendite catastali fino a 250 euro, 120 per rendite tra 251 e 350 euro, 90 euro per rendite tra 351 e 450 euro, 50 euro per rendite tra 451 e 650 euro. Inoltre tra le detrazioni Tasi a Ravenna abbiamo quelle dedicate ai figli con età inferiore ai 26 anni e per figli disabili (oltre il 74%) di qualunque età; quest'ultime agevolazioni sono tuttavia limitate al pagamento per immobili con rendita catastale pari o inferiore alla soglia degli 850 euro.

La Tasi a Prato ha aliquota sulla prima casa al massimo: anche qui il comune ha deliberato un aliquota 2014 al 3,3 per mille, con connesse detrazioni che seguono i criteri della rendita catastale degli immobili. Per le detrazioni Tasi 2014 a Prato il comune ha deciso quanto segue: sgravi di 165 euro per rendite fino a 300 euro e sgravi di 80 euro per immobili con rendita catastale compresa tra i 330 e i 600 euro.

I migliori video del giorno

Tasi a Ragusa e Potenza, aliquote 2014 e detrazioni: dove si paga e dove si è esentati

Nel comune di Ragusa la Tasi 2014 non si paga: il capoluogo di provincia è una delle rare eccezioni in Italia dove i cittadini non dovranno preoccuparsi della tassa sui servizi indivisibili. Al contrario si paga la Tasi 2014 a Potenza, dove l'aliquota sull'abitazione principale è stata decisa al 2,5 per mille. Le detrazioni Tasi a Potenza sono pari a 50 euro per ogni figlio under 26 e a 100 euro (quota fissa) per immobile. Detrazioni che come si può facilmente notare rendono la tassa decisamente più sopportabile. Passiamo ora a vedere come calcolare la Tasi a Ravenna, Prato, Ragusa, Potenza e in tutti gli altri comuni della nostra penisola.

Calcolo Tasi a Ravenna, Prato, Ragusa e Potenza: come si calcola l'importo da pagare

Vediamo come calcolare la Tasi da Ravenna a Prato: per conoscere l'importo da pagare per la prima rata (o la seconda) occorre rivalutare la rendita catastale moltiplicando il valore per 1,05, quindi moltiplicare per il coefficiente fisso delle abitazioni, cioè 160 (coefficiente che varia nel caso di negozi o altre tipologie di immobili), quindi moltiplicare il tutto per l'aliquota del comune.

Per procedere nel calcolo della Tasi occorre ovvero moltiplicare il valore per 3,3 per mille per Prato e Ravenna e 2,5 per mille per la città di Potenza. A questo punto si sottrae al valore ottenuto quanto spettante per via delle detrazioni, quindi si divide il tutto per due per ottenere il giusto importo da versare per ogni rata (per la quale si versa il 50% dell'importo complessivo da versare per l'imposta).