A gennaio 2015 sono state introdotte novità fiscali che interessano nel complesso quasi tutti: tra queste le principali sono quelle che riguardano il 730 precompilato, i bonus ristrutturazione e bebè, l'imu e la Tasi. I contribuenti italiani, felici di aver per il momento scampato il pericolo local tax, si ritroveranno ad avere a che fare con altri tipi di novità. Vediamo quali sono e come influiscono su di noi.

Novità fiscali 2015: 730 precompilato e CU

  • 730 precompilato: la dichiarazione dei redditi precompilata riguarda una platea di circa 20 milioni di contribuenti, che sono lavoratori dipendenti o pensionati. Il modello arriverà dall’Agenzia delle entrate, tramite internet o i Caf entro il 15 aprile. I contribuenti avranno bisogno del codice pin unico nazionale (spid) e dovranno rivedere la dichiarazione per accertarsi che sia tutto a posto. Si prevede che molti avranno bisogno di modificarla...vedremo.

  • CU: la nuova certificazione Unica che sostituisce il CUD, da quest'anno riguarderà anche i redditi da lavoro autonomo. Le novità principali arrivano per i sostituti di imposta.

Novità fiscali 2015: bonus ristrutturazione e bonus bebè

  • Bonus ristrutturazioni: anche per il 2015 restano in vigore le detrazioni fiscali del 50% per le ristrutturazioni edilizie, e saranno valide anche per gli acquisti di mobili ed elettrodomestici. In quanto agli interventi di riqualificazione energetica e antisismici, il bonus previsto è del 65%.

  • Bonus bebè: tutte le famiglie che tra il 2015 e il 2017 avranno un figlio o lo adotteranno, riceveranno un aiuto mensile dallo Stato. Per i dettagli leggete l'articolo che riguarda l'argomento relativo al bonus bebè.

Novità fiscali 2015: Imu e Tasi

Per il 2015 il tetto delle aliquote IMU e TASI resta il medesimo.Questo significa che la TASI non potrà superare il 2,5 per mille e la somma delle due tasse non potrà eccedere il 10,6 per mille.

Masi prevede possa arrivare un aumento dell'0,8 per mille. Il pagamento resta diviso in due rate con scadenza 16 giugno e 16 dicembre.

Tra le novità fiscali vi sono anche quelle riguardanti il lavoro, con il bonus da 80 euro confermato, il nuovo regime dei minimi e l'esenzione Irap.