L'agenzia delle entrate, con la circolare 12/E/2016 pubblicata l’8 aprile ha chiarito alcuni importanti aspetti legati alle novità legate alla Legge di Stabilità 2016 e sul dlgs sulle semplificazioni fiscali (CU e precompilata). Con riferimento al leasing abitativo, l’agevolazione prima casa spetta anche se l'utilizzatore destini l'immobile oggetto del contratto di locazione finanziaria ad abitazione principale. L’agevolazione detrazione per l’acquisto di grandi elettrodomestici e mobili è invece riservata ai contribuenti che usufruiscono della detrazione del 50% sulle ristrutturazioni edilizie e sugli interventi di recupero del patrimonio edilizio effettuati a partire dal 26.06.2012, nel limite dei 10.000 euro.

La detrazione sugli arredi si applica sulle spese effettuate dal giugno 2013 fino al 31.12.2016. La circolare inoltre ribadisce con riguardo alla nuova detrazione Irpef dell’Iva da chi compra nel 2016 unità abitative di classe energetica A o B dalle imprese costruttrici, che il pagamento dell'Iva deve essere effettuato solo nel periodo d'imposta 2016. Per quanto riguarda la cedolare secca, essa non si applica ai contratti di locazione stipulati con locatori che operano nell'esercizio di attività di lavoro autonomo o di impresa

Super ammortamento e agevolazione prima casa

Per quanto riguarda la disciplina dei maxi ammortamenti, l’Agenzia ha ribadito che è possibile usufruire di una maggiorazione del 40%, esclusa per i contribuenti forfetari. In tale ipotesi, infatti, l’ammontare dei costi sostenuti dal contribuente non rileva per calcolo del reddito imponibile.

I migliori video del giorno

Viceversa essa è utilizzabile dai contribuenti che adottano il regime dei nuovi minimi. Un chiarimento importante è quello relativo alla possibilità dell’integrale deduzione nell'esercizio di sostenimento delle spese per beni strumentali che non superano i 516,46 euro , anche nel caso in cui questo limite viene superato  grazie alla maggiorazione del 40%. Tale normativa inoltre non produce effetti ai fini Irap e riguarda solo le imposte sui redditi. Il documento di prassi dell’Agenzia fiscale chiarisce che le agevolazioni “prima casa” si applicano agli atti (anche a titolo gratuito) posti in essere dal 1° gennaio 2016. L’agenzia ha chiarito che il credito d’imposta per il riacquisto spetta anche al contribuente anche se ha proceduto all’acquisto della nuova abitazione prima d’aver venduto l’immobile comprato prima. La Stabilità 2016 ha inoltre esteso l’agevolazione fiscale anche alla piccola proprietà contadina. E’ prevista l’applicazione dell’imposta catastale nella misura dell’1%

Dichiarazione precompilata e  Certificazione Unica

Con riferimento invece alle spese sanitarie che più contribuenti hanno sostenuto  per familiari a carico, esse sono inserite nelle precompilate in proporzione alle percentuali di carico.

Nel 2016, inoltre l’invio delle certificazioni uniche degli autonomi può avvenire entro il 1° agosto. Viene inoltre chiarito che se il contribuente si accorge di un errore dopo aver accettato e inviato il 730 precompilato, può sempre presentare un 730 integrativo. Nel caso in cui il contribuente invece apporta delle modifiche alla precompilata, l’Agenzia può effettuare dei controlli preventivi, anche in via automatizzata, qualora dovesse rilevare degli elementi di incoerenza o qualora risulta un rimborso di importo superiore a 4.000 euro. Inoltre l’Agenzia ha sottolineato che, la non sanzionabilità nella commissione di lievi errori o ritardi vale solo per il primo anno in cui viene introdotto il relativo obbligo ed è richiesta la trasmissione dei dati. Con riguardo al ravvedimento è stato stabilito che il contribuente può ricorrere ad esso anche dopo l’avvio del controllo formale e della richiesta di documenti da parte gli uffici per verificare i dati della dichiarazione dei redditi. Se viene disposta la riduzione del canone di un contratto di locazione, la stessa non comporta il pagamento né dell’imposta di bollo, né quella di registro.