Di recente, il Premier Matteo Renzi, ha confermato che con la nuova legge di stabilità 2017 verrà abolita anche Equitalia, l'ente di riscossione dei tributi che tanto ha fatto discutere dalla sua entrata in vigore.

Le sue funzioni, dovrebbero passare all'Agenzia delle Entrate, si spera con una tutela maggiore per i contribuenti.

Ipotesi, che però presenta molti ostacoli, a partire dall'inquadramento degli oltre 8mila dipendenti dell'agenzia di riscossione.

L'esecutivo, potrebbe anche valutare, la nascità di un nuovo ente di riscossione autonomo.

Quando si prescrivono le sanzioni di Equitalia?

Veniamo ora, ad un tema più interessante, ossia entro quanto tempo si prescrivono le sanzioni e gli interessi di Equitalia.

Se l'ente di riscossione, dopo avervi notificato la cartella di pagamento non si fa più sentire, i primi ad andare in prescrizione sono proprio gli interessi e le sanzioni.

Così come ha di recente confermato, con la sentenza numero 7362/2016, la Commissione Tributaria Provinciale di Milano, che ha stabilito che a prescindere dall'importo dovuto, le sanzioni e gli interessi si prescrivono in cinque anni.

Bisogna fare però molta attenzione, qualora il contribuente dovesse ricevere un avviso di sollecito di pagamento, la prescrizione verrà sospesa, ed il termine tornerà a decorrere dal momento dell'emanazione di questo atto.

I termini della prescrizione per il contribuente

Non tutti i termini di prescrizione uguali però, vediamo come variano in alcuni casi concreti, così come fa notare il portale di informazione giuridica La legge per tutti.

I migliori video del giorno

Pensiamo ad esempio ai tributi dovuti per Iva, Irap e Irpef: la prescrizione è di 10 anni.  Anche se da un recente orientamento si evince come la prescrizione torni ad essere di 5 anni per i tributi che si pagano annualmente, come ad esempio Irpef e Irap.

Il canone Rai e i diritti annuali alla Camera di Commercio, che invece si prescrivono in 10 anni.

La prescrizione per il bollo auto è invece di 3 anni, anche se questo termine inizia a decorrere non da quando era dovuta l'imposta, ma dal 1° gennaio dell'anno successivo.

Mentre i contributi previdenziali Inps e Inail, così come le multe si prescrivono in 5 anni.

Per restare sempre aggiornati con le ultime notizie premi il tasto segui che trovi in alto a destra accanto al nome dell'autore dell'articolo.