Oggi 31 gennaio è iniziato Telefisco 2019 il Convegno organizzato ogni da "Il Sole24ore" e che è giunto alla sua ventottesima edizione. Ad aprire i lavori del Convegno è stata una lunga intervista al Sottosegretario all'Economia Massimo Garavaglia che ha affrontato diversi temi importanti per il mondo professionale e imprenditoriale, ma anche per i cittadini comuni. Ma il cuore dell'intervista al Sottosegretario si è concentrato sulla Fattura Elettronica e le sue problematiche.

Garavaglia ha anche confessato i reali motivi per i quali il Governo M5S - Lega ha proseguito nell'implementazione della Fattura Elettronica nel nostro ordinamento fiscale. Il Sottosegretario all'Economia ha affrontato anche i temi della rottamazione - ter, del Decreto Semplificazioni e degli obiettivi che il Governo intende raggiungere attraverso la sua Politica fiscale.

La Fattura Elettronica: una follia

Come è stato evidenziato dal direttore dell'Agenzia delle Entrate Antonino Maggiore, a un mese dal debutto della Fattura Elettronica si è arrivati a 146 miliardi di imponibile e ben 17 miliardi di Iva.

Ma questi dati non hanno impedito al sottosegretario Garavaglia di essere estremamente esplicito nelle sue dichiarazioni sull'introduzione dell'obbligo di fatturazione elettronica.

Garavaglia ha dichiarato che per il Governo giallo - verde la fattura elettronica "è una follia". Ma ha spiegato anche che il Legislatore non poteva esimersi da introdurla in quanto è stata una norma introdotta dal precedente Governo e che M5S e Lega hanno ereditato.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Tasse

D'altra parte, oramai la fattura elettronica c'è ed il sistema è entrato quasi a regime. Di conseguenza, bisogna andare avanti.

Garavaglia, comunque, non nasconde di comprendere le difficoltà riscontrate da tutte le categorie sociali dopo l'introduzione della Fattura Elettronica. Per questo, nel corso dell'intervista, annuncia che quando il sistema della FE sarà entrato pienamente a regime il Governo intende eliminare tutti gli adempimenti inutili, a partire dalle dichiarazioni Iva.

D'altra parte, ha continuato il Sottosegretario all'Economia, alcune difficoltà riscontrate dagli operatori sono state, almeno in parte, dovute all'attesa per la consueta proroga che, in questo caso, non è stato possibile concedere, anche perché era già stata introdotta una moratoria sulle sanzioni proprio per agevolare i contribuenti.

Obiettivo: abbassare aliquota Irpef al 20%

Un'altro tema caldo affrontato dal sottosegretario all'Economia Garavaglia è stato quello della riforma delle aliquote Irpef.

Garavaglia ha precisato che per il Governo l'obiettivo di lungo periodo è quello di estendere la flat tax a tutti i contribuenti. Ma ci si rende conto che occorre andare avanti per gradi. Di conseguenza, il primo obiettivo intermedio fissato dalla maggioranza è quello di abbassare il primo scaglione irpef, facendolo passare dall'attuale 23% ad un più conveniente 20%. Garavaglia ha anche confermato che il Governo provvederà a disinnescare le clausole di salvaguardia Iva contemporaneamente alla riduzione delle Tasse promessa e posta come obiettivo anche dal Vicepremier e Ministro dell'Interno Matteo Salvini.

E il successo della rottamazione - ter sta a dimostrare che il Governo ha imboccato la strada giusta secondo Garavaglia.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto