RooieMarck: 50 anni, il cancro e un sogno nel cuore, il sogno di poterdare l'ultimo saluto alla squadra del Feyernoord direttamente allostadio. Il sogno di Rooie Marck è stato esaudito grazie all'aiutodegli amici, dei giocatori della squadra e anche di un folto gruppodi tifosi che hanno organizzato per lui una sorpresa davveroeccezionale.

RooieMarck sapeva che gli avevano concesso di raggiungere lo stadio DeKuip di Rotterdam per salutare la squadra Feyernoord durante uno deisuoi allenamenti, ciò che non sapeva però era che la curva sarebbestata piena di tifosi pronti ad intonare cori in suo onore e in onoredel coraggio con cui ha affrontato il tumore, pronti ad utilizzaretrombette, fumogeni e striscioni solo per salutarlo.

Il videoamatoriale che è stato girato in questa occasione vede Rooie Marckarrivare in campo con la barella e con una bandiera della squadracome coperta e lo vede incontrare i giocatori della sua squadra eabbracciarli. Rooie Marck a quel punto riesce ad alzarsi dallabarella e a fare qualche passo nel campo sino a raggiungere la curvadi tifosi, li saluta battendosi il pungo sul cuore. Le lacrime hannoiniziato a quel punto a rigare il suo volto, l'emozione è stata perlui infatti davvero intensa.

RooieMarck ha perso la sua battaglia contro il cancro purtroppo, èinfatti morto 3 giorni dopo l'incontro con la sua squadra del cuore.Il tumore era troppo grave e le sue condizioni erano ormai al limite,Roonie sapeva che quello probabilmente sarebbe stato il suo ultimodesiderio che poteva essere esaudito.

Lastoria di Roonie Marck è davvero commovente, una storia che ciricorda che lo sport non è solo violenza, che lo sport può davveroessere un momento di aggregazione, di affetto, un inno alla vita. Ilgesto dei tifosi del Feyernoord, dei giocatori e di tutti gli amicinei confronti del tifoso è stato davvero eccezionale, ungesto che Rooie Marck ha vissuto come un vero e proprio regalo, comeuna vera e propria magia.