Il 2018 sta per arrivare, e nella Rete ci sono presunte previsioni fatte dalla visionaria Baba Vanga per il prossimo anno. Una delle presunte profezie di questa veggente bulgara, nota anche come "Nostradamus dei Balcani" e che ha predetto diversi grandi eventi, sottolinea che l'umanità scoprirà una nuova forma di energia su Venere. Come risultato delle speculazioni che sono state generate, la rivista Newsweek ha consultato Paul Byrne, geologo planetario della State University of North Carolina (USA), che studia la superficie di Venere.

Le caratteristiche del pianeta Venere

Secondo lo scienziato, quel pianeta è molto simile alla Terra in parametri come dimensioni, densità e gravità, oltre ad essere in una zona abitabile.

Tuttavia, ci sono grandi sfide quando si tratta di studiarlo perché la scienza non ha nuovi dati [VIDEO] su Venere. L'ultima volta che un veicolo spaziale è riuscito a raccogliere i dati dalla sua superficie è stato due decenni fa, sottolinea lo specialista. La superficie di Venere, è molto difficile da esplorare, dal momento che le nuvole di anidride carbonica nella sua atmosfera bloccano la maggior parte degli strumenti standard. Per questo motivo, lo scienziato sottolinea che non sappiamo molto sulla superficie di Venere né su quali forme di energia potrebbe contenere. Per capire cosa sta accadendo sulla sua superficie, sarebbe necessario esaminare un campione nei laboratori terrestri, cosa che non accadrà a breve

Chi era Baba Vanga, la Nostradamus dei Balcani

Baba Vanga è nata a Strumica, nell’odierna Macedonia, nel 1911, da una famiglia poverissima, ed è divenuta cieca a 12 anni in seguito ad un tornado.

La sua famiglia era povera e lei ha vissuto sempre in condizioni di analfabetismo. Non poteva quindi scrivere direttamente le sue profezie, ma questo compito veniva lasciato ai suoi seguaci, cosa che ha da sempre gettato ancora più dubbio sulle sue profezie. La veggente ha sempre affermato che le sue previsioni arrivano da delle creature invisibili [VIDEO]. Le previsioni passate di Baba Vanga sembrano essere state abbastanza precise con un margine di errore di appena il 15%. La veggente si è spenta nell'anno 1996 lasciando intorno alla sua figura un alone di mistero.

Che si creda o no nelle profezie, basterà semplicemente aspettare per vedere se l'uomo effettivamente riuscirà a scoprire sul pianeta Venere, una forma alternativa di energia.