Il bellissimo attore evergreen francese ha scioccato il mondo con una dichiarazione rilasciata in diretta tv, durante la prima puntata della nuova stagione della trasmissione televisiva francese "C à vous" di France 5 imbarazzando tutto lo studio e scatenando una vera e propria tempesta di commenti.

Pubblicità
Pubblicità

Anche sui social network come twitter lo stanno mettendo letteralmente al rogo perchè secondo Alain Delon: L'omosessualità è contro natura".

La dichiarazione shock del famosissimo attore ha scandalizzato tutta la Francia libertina e scatenato un vero pandemonio sul web, seguito da tantissime critiche soprattutto dalle associazioni gay, provocando la pubblica indignazione. Durante l'intervista, la conduttrice Alessandra Sublet è rimasta senza parole davanti alla rivelazione dell'affascinante attore, così Alain Delon ha continuato la spiegazione del suo personale punto di vista: "Mi dispiace dirlo, ma non esistono differenze, non c'è più rispetto.

Non ho niente contro i gay che si mettono insieme, ma noi uomini siamo fatti per amare le donne, per corteggiarla, non per rimorchiare un uomo e farsi sedurre da lui", e subito è andata in onda la pausa pubblicitaria, mentre sul web si è scatenando una vera caccia alle streghe, con commenti che spesso hanno superato il limite della critica e dell'educazione.

Il pensiero conformista dell'attore questa volta è stato letteralmente sommerso d'insulti sul web dai cybernauti che hanno preso d'assalto il suo profilo Twitter, infatti, il sempre bellissimo e affascinante Alain Delon, aveva già esternato il suo pensiero in merito al "matrimonio per tutti", al quotidiano "Figaro Magazine", e il Tancredi del Gattopardo, il capolavoro di Luchino Visconti, aveva precisato di non essere contrario al matrimonio tra due persone dello stesso sesso dichiarando francamente: "Me ne infischio ampiamente", anche se aveva confessato di essere contrario al diritto all'adozione delle coppie omosessuali, concludendo: "Vivo male in quest'epoca che banalizza ciò che è contro natura".

Pubblicità

Leggi tutto