Questa sera, torna su Canale 5 l'appuntamento all'insegna della seguitissima fiction Squadra Antimafia, che vede protagonista uno degli attori più desiderati del piccolo schermo nostrano: Marco Bocci. Dal punto di vista sentimentale, sappiamo bene quale sia l'attuale situazione dell'attore, legato alla cantautrice salentina Emma Marrone, nonostante la riservatezza di entrambi. Sul piano lavorativo, invece, come avevamo anticipato qualche tempo fa, sembra ancora in dubbio la sua presenza, in futuro, nella fiction prodotta da Pietro Valsecchi.

Pubblicità

Intanto, chiamato in qualità di ospite alla fiera Tuttosposi, Marco Bocci ha rilasciato una breve ma interessante intervista ai microfoni di fanpage.it, nel corso della quale si è reso protagonista di una curiosa gaffe. Alla luce del grande successo della fiction di Canale 5, a Bocci è stato chiesto come si trovasse nei panni di Domenico Calcaterra e se la notorietà legata al suo personaggio potesse fargli piacere o, al contrario, infastidirlo.

"Beh, mi infastidisce...", ha replicato di getto Marco, per poi correggersi immediatamente, con un sorriso carico di imbarazzo: "Mi fa piacere perché molto spesso quando ti fermano le persone ti fanno i complimenti.

Quindi essere apprezzati per quello che si fa credo sia la cosa più bella del mondo, soprattutto quando si investono tante energie".

Uno scivolone dettato quasi sicuramente dall'emozione e dalla timidezza con cui Bocci si è sempre posto davanti ai microfoni. L'intervista si è conclusa con la domanda sul suo futuro nella serie, dopo i rumors su un possibile addio: "Di voci ne corrono tante, non lo so nemmeno io sinceramente. Finché mi diverto, finché mi piace ancora farlo cercherò di andare avanti, poi bisogna vedere ciò che è giusto per il percorso di un personaggio e di una storia".

Pubblicità

"Per il momento sono voci e non ci ho pensato per nulla", ha chiarito l'attore che prossimamente sarà impegnato nella promozione di alcuni film per il cinema che usciranno nel corso dell'inverno e che lo vedranno protagonista.