Qualche giorno fa, tramite la pagina ufficiale Facebook della trasmissione Verissimo, il rotocalco del sabato pomeriggio di Canale 5 condotto da Silvia Toffanin, abbiamo appreso un'anticipazione piuttosto interessante relativa alla nuova puntata del programma attesa per il prossimo 23 novembre. Come sempre, tanti saranno gli ospiti che si confronteranno e racconteranno al cospetto della padrona di casa, ma oltre ai vari personaggi noti, ci sarà un momento molto intenso che vedrà protagonista indiretto Fabrizio Corona, l'ex agente dei fotografi in carcere ad Opera ormai da diversi mesi.

Corona, condannato a 11 anni e 8 mesi con l'accusa di aver commesso diversi reati, tra cui bancarotta, detenzione di denaro falso, corruzione ed estorsione, ha deciso di prendere carta e penna e scrivere direttamente al programma di Canale 5 che, anche se in modo indiretto, ha sempre cercato di capire in che modo stesse Fabrizio, anche tramite le interviste a persone con cui in passato ha avuto delle relazioni, tra cui Nina Moric e Belen Rodriguez.

La missiva, sarà letta sabato prossimo durante la nuova puntata, dalla madre di Fabrizio, la signora Gabriella. Il sito Oggi.it, però, nella giornata odierna ha pubblicato la lettera integrale di cui andremo a riassumervi il contenuto. Alla redazione di Verissimo, Corona ha voluto affidare i suoi pensieri e la sua verità, definendo il carcere come l'esperienza più dolorosa dopo la scoperta di una grave malattia.

Pur non comprendendo ancora l'esagerata condanna a suo carico, Fabrizio oggi proprio grazie a questa difficile esperienza, ha raccontato di avere finalmente compreso i suoi sbagli e ammesso gli errori compiuti. Nonostante tutto, l'ex re dei paparazzi non ha intenzione di arrendersi, ma anzi nella missiva ha riservato parole di coraggio e forza, fungendo da esempio ai tanti che decidono di lasciarsi cadere nel baratro.

I migliori video del giorno

Poi, verso la fine della lettera, un desiderio espresso da Fabrizio: quello di vedere, nel corso della nuova puntata di Verissimo durante la quale sarà data visibilità alle sue parole, il sorrido della madre Gabriella.