Michele Santoro, dopo la bocciatura del Porcellum, nelle ultime ore si è scagliato furioso contro la casta politica accusandoli di essere incapaci e di non sapere fare nulla, così nella copertina di Servizio Pubblico di ieri sera, ha inviato un Vaffa a 360 gradi a tutti gli esponenti politici della Seconda Repubblica.

Il giornalista furioso ha consigliato ai parlamentari di chiudersi alla Camera e fare una nuova legge elettorale, invitandoli in caso contrario ad andarsene a quel paese, e ha precisato il fallimento e l’illegittimità incostituzionale dell’intera classe politica, compreso il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

Lo showman ha concluso il suo sfogo pubblico sottolineando che se le larghe intese del Governo fossero serie, avrebbero già approvato una nuova legge elettorale, e ha concluso con un monito a Napolitano: “ Il presidente prima o poi dovrà prendere atto che i meccanismi che ha innescato hanno prodotto un grande vuoto di legalità”.

Immancabile il sostegno e l’appoggio del giornalista Marco Travaglio che nel suo editoriale sul sito online di Servizio Pubblico, da vero giornalista e showman ha spiegato come il Parlamento Italiano sia dal 2006 incostituzionale, così come tutti i governi, da prodi, a Berlusconi, da Monti, a Letta, e tutti gli esponenti politici, le leggi approvate e lo stesso presidente della Repubblica.

Anche la “Consulta Espress” che sta proponendo il sistema elettorale del Proporzionale, che sarebbe illegittimo, potrebbe essere incostituzionale, rivelando che l’unica legge legittima è il Mattarellum eletta dal popolo, e precisando che in questi 20 anni d’illegittimità incostituzionale i partiti dovrebbero restituire circa 2, 700 miliardi di euro, soldi che non hanno più poiché sperperati in case, ville, vacanze, champagne, mutandine verdi del governatore Gotha.

I migliori video del giorno

Riassumendo brevemente l’editoriale del giornalista del programma televisivo in onda su La 7, l’Italia è governata da un Parlamento sfiduciato dalla Consulta, ma non si dimette nessuno, e nessuno approverà il Mattarellum.

Intanto il debito pubblico continua a crescere, la disoccupazione ha raggiunto il 12,2%, mentre il governo Letta sta cercando di abolire l’Imu, che sembra uno zombi che non si riesce ad abbattere, il professionale Travaglio ha concluso sottolineando che se Napolitano e gli esponenti politici smettessero di salvare gli italiani, ci sentiremo forse tutti un filino meglio.

Ad ogni modo la Prima Repubblica grazie a Mani Pulite, ci mise due anni per essere distrutta, mentre la Seconda Repubblica si sta sgretolando in meno di due settimane, insomma è decaduto il Re Silvio e sono decaduti anche tutti i parlamentari che hanno fatto decadere, un po’ come il maiale che si mangia la coda.