Si parlerà della nuova legge elettorale dopo l'incontro tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi nella nuova puntata di Porta a Porta, il programma di approfondimento culturale, politico e di attualità ideato e condotto dal giornalista Bruno Vespa.

L'appuntamento con la nuova puntata di Porta a Porta su Rai1 è lunedì 20 gennaio alle 23.20. E' possibile seguire la puntata di Porta a Porta su internet in streaming dal sito della Rai.

Ospiti di Bruno Vespa in studio, per confrontarsi sulle proposte di legge elettorale dopo il tanto atteso e discusso incontro tra il segretario del Partito Democratico e il leader di Forza Italia, saranno il ministro per gli Affari regionali e le autonomie Graziano Delrio del Pd, il presidente del gruppo di Forza Italia alla Camera dei Deputati Renato Brunetta, il ministro per le Riforme costituzionali Gaetano Quagliariello ed il presidente della commissione Affari esteri del Senato Pier Ferdinando Casini, leader dell'Udc.

Al centro della nuova puntata di Porta a Porta, dunque, il nuovo scenario politico sulla legge elettorale, indispensabile dopo la sentenza della Corte costituzionale che ha bocciato il Porcellum, e la grande sintonia emersa dopo l'incontro di ieri tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi, ma verranno approfondite anche le reazioni e le proposte degli altri partiti.

Renzi dopo l'incontro con Berlusconi ha dichiarato che con Forza Italia c'è una "sintonia profonda" su tre riforme, cioè la legge elettorale, la modifica del titolo V della Costituzione, la trasformazione del Senato. Secondo quanto assicura Renzi verrà superato il Porcellum e dopo l'incontro con Berlusconi è stato fatto "un passo avanti serio e significativo per la governabilità". Ancora non c'è una proposta ufficiale che, ha spiegato Renzi, arriverà lunedì alla direzione del Pd che dovrà votarla per dare mandato al segretario.

Berlusconi, dopo la conferenza stampa post incontro di Renzi, ha affidato ad un videomessaggio il suo commento sul faccia a faccia parlando di "accordo sulle riforme, che Forza Italia voterà in Parlamento nonostante restino le critiche all'azione del Governo Letta".

I migliori video del giorno

Berlusconi si è detto soddisfatto soprattutto dal "cambiamento di rotta del Pd", considerato che l'accordo con Renzi "prevede una nuova legge elettorale che porti al consolidamento dei grandi partiti e alla semplificazione dello scenario politico".