Gli anni spezzati – il giudice, ha segnato un calo negli ascolti, dovuto anche a una non brillante recitazione degli attori che non sono entrati completamente nelle loro rispettive parti ed hanno dato l'impressione di essere molto distaccati da ciò che impersonavano.

La terza mini serie che chiude la trilogia iniziata con Gli anni spezzati – il commissario, è dedicata all'ingegnere Giorgio Venuti, brillante dipendente di Fiat Mirafiori: Gli anni spezzati – l'ingegnere, in onda lunedì 27 e martedì 28 gennaio su Rai uno alle 21.10.

Giorgio Venuti è un padre vedovo, cui la Fiat impone un triste compito, quello di licenziare 61 operai ritenuti vicini agli ambienti rivoluzionari di Torino; è appena iniziato l'anno 1980 quando i Gruppi combattenti territoriali di Prima Linea entrano in una scuola privata per dirigenti dove anche Giorgio insegna e gambizzano 10 tra docenti e studenti come atto dimostrativo.

Il clima di odio e terrore in Italia non è ancora finito e sembra non volersi arrestare, atti di sabotaggio colpiscono il Policlinico di Torino dove lavora l'amico di Giorgio, il primario Walter Grimaldi. Questi denuncerà i sabotaggi alla polizia, perché mettono a rischio la vita dei pazienti. Egli nutre dei sospetti sul probabile sabotatore, frequentato anche da Valeria, la figlia maggiore dell'ingegnere che da un po' è entrata a far parte proprio del gruppo terroristico. Walter mette in guardia Giorgio, il quale pedina la figlia e scopre il covo dei terroristi. Diviso tra l'amore per la figlia e il dovere di cittadino, avvisa la polizia e fa arrestare i rivoluzionari.

Giorgio Venuti viene così alla luce e il suo nome diventa scomodo tra gli operai della Fiat e le frange rivoluzionarie di Torino.

I migliori video del giorno

Intanto Walter viene ucciso per le sue denunce, sotto gli occhi scioccati di Valeria. Coinvolta in un successivo omicidio dove tenta di fermare l'attentatore, viene arrestata al termine di un conflitto a fuoco. Giorgio si prende un tempo di ferie dal lavoro e insieme con la seconda figlia, Silvia, vanno per un periodo in montagna. Silvia è una sportiva e rientra a Torino per allenarsi, dove è pedinata da membri del gruppo combattente che vogliono rapirla affinché Valeria dal carcere non parli. Il suo rapimento verrà sventato dalla Polizia appena in tempo e tutta la banda arrestata.

In tanto arriva il 14 ottobre, giorno della manifestazione dei colletti bianchi, organizzata dal Venuti per il diritto al lavoro. Sarà un grande successo grazie alla partecipazione spontanea di migliaia di cittadini.

Il Cast

Diretto da Graziano Diana e prodotto da Albatross Entertainment e Rai Fiction, il cast artistico si compone di: Alessio Boni in Giorgio Venuti, Giulia Michelini è Valeria Venuti, Arianna Jacchia è Silvia, Paola Pitagora in la nonna Assunta, Christiane Filangieri è Clara Costi, Enzo Decaro impersona Walter Grimaldi.

Alberto Molinari nei panni di Luigi Arisio, Carmine Recano è Luca Varesi il terrorista omicida, Pier Luigi Misasi il commissario Borghesan, Flavio Pistilli è Gianni Panara. Eleonora Sergio è Gianna, Frano Lasic è il Direttore Fiat.