Buone notizie per il Peccato e la Vergogna 2. Mediaset cambia il proprio palinsesto mettendo a disposizione due puntate questa settimana. Per tutti gli appassionati “peccaminosi” due puntate martedì e venerdì con la quarta e quinta puntata. Questa volta le puntate si concentreranno sulle figure dei figli di Carmen, Valerio e Giulio. I due non sono più ragazzini ma crescono, si fanno più maturi, con le rispettive rivalità. Soprattutto odio. Ecco che cosa vedremo delle due puntate in onda su Canale 5

Anticipazioni il Peccato e la Vergogna 2, puntate del 21 e 24 Gennaio 2014

L’odio di Giulio, il destino di sacerdote di Valerio

I figli di Carmen Fontamara, Giulio e Valerio, sono già cresciuti.

Assistiamo quindi a un salto temporale di qualche anno avanti. I due hanno due caratteri molto diversi, anche perché sono figli di due relazioni diverse. Giulio è nato dall’amore tormentato con Giancarlo. Porta il nome dello zio dello zio di Giancarlo che avrebbe dovuto unirsi in matrimonio con sua madre. Sembra figlio di Nito Valdi per il suo carattere burrascoso, oscuro, cinico e focoso. E’ un manipolatore, una persona a cui piace giocare con la gente, a persuaderle, senza comunque farsi un esame di coscienza. Ma il fratello Valerio, però, è il vero figlio di Nito Valdi. E il fratello lo scopre e quindi cova dentro di sé un grandissimo desiderio di ucciderlo. Non lo riconosce più come un fratello ma un nemico, un estraneo, da eliminare seduta stante. Ma non sa che Valerio, in realtà, è solo il frutto della violenza subita da Carmen.

I migliori video del giorno

E’ un ragazzo docile, di bell’aspetto, mansueto e generoso, desideroso di aiutare il prossimo. Addirittura penserà di prendere i voti ma, nel suo percorso, incontrerà una donna che lo farà desistere dalle sue intenzioni. Ma il suo percorso spirituale sembra integerrimo: decide di farsi sacerdote. Nonostante incombe su di lui l’odio del fratello.

Che cosa succederà? Giulio riuscirà ad uccidere Valerio? Potremmo scoprirlo con le prossime anticipazioni di Il peccato e la vergogna 2.