Domani, venerdì 31 gennaio andrà in onda una nuova puntata de Il peccato e la vergogna 2, la fiction tv trasmessa da Canale 5 con protagonisti Gabriel Garko nel ruolo del perfido Nito Valdi e Manuela Arcuri nel ruolo di Carmen Fontamara. Gabriel Garko si è raccontato di recente tra le pagine di Visto, mettendo in evidenza il suo terribile personaggio che gli regala tante gioie ma anche tanti dolori.

Dopo molte news e anticipazioni riguardo le trame de Il peccato e la vergogna 2, Garko parla del suo malvagio personaggio amato talmente tanto da combatterlo. Gabriel durante il corso dell'intervista ha raccontato di aver subito anche delle minacce, ma non solo in quanto, gli hanno distrutto la macchina e mandato tantissime lettere minatorie scritte con fogli di giornali: "Ho fatto circa 350 denunce" racconta l'attore, per poi sdrammatizzare: "Mantengo da solo una squadra di avvocati".

Il personaggio di Nito Valdi però è molto apprezzato da Garko, tanto da non aver mai pensato di lasciarlo in quanto, se la gente reagisce così evidentemente questo ruolo funziona e interessa. Gabriel Garko inoltre ha svelato alcune news ed anticipazioni legate al suo personaggio in questa nuova serie de Il peccato e la vergogna 2, ammettendo che la violenza di Nito in questa stagione è più psicologica che fisica.

"Non so quale sia peggio", ha affermato Gabriel Garko anche se fare un ruolo del genere, tutto sommato non gli dispiace per niente. L'attore ha comunque anticipato che in questa stagione ci sarà tanta passione, ma anche orrore e, in merito, spera solo che la fiction Tv abbia successo visto che tutti quanti ci hanno lavorato molto. In ultimo, l'attore ha raccontato alcune anticipazioni legate alla sua carriera lavorativa in quanto, dopo Il peccato e la vergogna 2, potremo ritrovarlo in molte altre fiction e lavori.

I migliori video del giorno

In forse un suo ritorno ne Il bello delle donne, anche se gli piacerebbe, mentre confermata la nuova serie de L'Onore e il rispetto, Rodolfo Valentino e Incompresa di Asia Argento: "Avrete la nausea di me".