Nuovo appuntamento con la prima serata de Il Segreto, la soap opera spagnola che va in onda ogni giorno dal lunedì al venerdì su Canale 5 dalle ore 16.10. Ma, come ogni settimana c'è spazio anche per la domenica sera, con il Segreto che andrà in onda il 2 febbraio 2014 a partire dalle ore 21.10. Sono tante le risposte che aspettano i telespettatori dalla soap opera spagnola. Dal rapporto tra Emilia e Alfonso, e quello tra Olmo e Soledad. Al momento c'è meno spazio per Tristan e Pepa, la coppia che ha portato oltre tre milioni di italiani a seguire costantemente Il Segreto. Ma adesso vediamo insieme le anticipazioni della puntata che andrà in onda domenica 2 febbraio.

Pubblicità

Anticipazioni Il Segreto, la puntata del 2 febbraio 2014

Nascerà un duro scontro tra Donna Agueda e Donna Francisca. Durante la litigata, la nuova arrivata confesserà alla Montenegro di essere la madre di Pepa. Una rivelazione sorprendente che crea disagi mentali alla madre di Tristan che costringerà la dottoressa Gregoria a somministrarle dei medicinali per tranquillizzarla.

Intanto continua il tira e molla tra Emilia e Alfonso. Dopo il bacio strappato da quest'ultimo alla bella figlia di Raimundo, c'è un nuovo allontanamento tra i due.

Emilia infatti dirà al suo grande amico che non ricambia i suoi sentimenti, soprattutto ora che si trova incinta di Severiano. Ma sarà davvero così? Assolutamente no, anche se bella Emilia confesserà il suo amore verso Alfonso solamente a Pepa verso il finale di puntata, dando all'amica la notizia di aver rifiutato l'uomo che si era dichiarato apertamente nei suoi confronti.

Nel mentre Soledad si presenterà ad un appuntamento con Olmo Mesia con in mano una pistola, che punterà addosso al ragazzo.

Pubblicità
I migliori video del giorno

Per quale motivo la figlia di Francista starebbe minacciando il Mesia? La donna vorrebbe un aiuto concreto dal fratello di Pepa per il rilascio di Juan.

Per finire, Pepa sognerà suo figlio Martin e si scoprirà durante la puntata che il piccolo è ancora vivo è si trova insieme ad alcuni gitani.