Luca Zingaretti e Luisa Ranieri insieme dieci anni dopo Cefalonia in "Il giudice meschino", storia di un magistrato segnato dalla vita.

La vicenda è quella di un magistrato che per diversi motivi ha smesso di svolgere indagini serie e di essere serio lui stesso, finchè la morte di un amico lo costringe a fare i conti con la propria vita. Il lavoro,a occcuparsi di suo figlio e persino a buttarsi in una storia d'amore. Protagonisti di questa storia, tratta dal romanzo "Il giudice meschino" di Mimmo Gangemi (Einaudi) e diventata ora una fiction in due puntate (in onda il 3 e 4 marzo su Raiuno) sono Luca Zingaretti, nei panni del giudice Alberto Lenzi, e Luisa Ranieri, la bella graduata dei carabinieri che lo affianca nelle indagini.

In questo caso i due attori, moglie e marito nella vita reale, si ritrovano accanto anche sul set, come avvenuto per "Cefalonia" nel 2004.

Il magistrato è chiamato meschino proprio per questo suo atteggiamento rinunciatario e dimesso. Zingaretti descrive così il suo personaggio: "Alberto Lenzi si è lasciato andare a quello che è il corso della sua esistenza, in questo modo cerca di evitare le indagini che possono risultare pericolose e all'inizio vuole solo godersi la vita. Poi scopriamo che invece è un atteggiamento dovuto a una serie di eventi che l'hanno segnato". In seguito il giudice, dopo la morte dell'amico, cambia comportamento: "Il suo è un riscatto soprattutto umano, in questa storia gli aspetti umani sono più importanti, lui si rimette a lavorare per avere rispetto di se stesso".

Le indagini di Lenzi si focalizzano su un traffico di rifiuti tossici e, nel caso specifico, il giudice deve collaborare con Marino Rossi, integerrimo maresciallo dei carabinieri, una dura dal cuore tenero. "E' una donna molto severa, per lei il lavoro è il lavoro" racconta Luisa Ranieri. E allora come mai arriva al punto di innamorarsi di un "meschino" come Alberto Lenzi?

"Perchè gli riconosce delle qualità e un grande intuito, sa che è una persona capace, è innamorata di quello che lui è, non di come appare. Lei diventa il suo braccio destro, è l'unica persona di cui si può fidare, il suo solo punto di riferimento all'interno delle indagini". E aggiunge: "Non ho grandi affinità con il personaggio di Marina rossi, ma quello che mi piace di questa fiction è che i personaggi sono tutti molto veri e attuali, non ci sono i buoni e i cattivi e basta, ma si trovano i lati positivi e negativi di ogni persona" conclude la Ranieri.

Nel frattempo in libreria il giudice Lenzi ha già avuto un seguito, "Il patto del giudice"(Garzanti) e chissà che la coppia Luca Zingaretti e Luisa Ranieri non ritorni presto sul set per un secondo episodio.

IL GIUDICE MESCHINO 1^ PUNTATA (LUNEDI' 3 MARZO ORE 21.10 RAIUNO)

Alberto Lenzi è pubblico ministero alla Procura di Reggio Calaria e ha fama di amante delle più che del lavoro, ma la sua vita viene bruscamente sconvolta dalla morte in un agguato del collega e amico Giorgio Maremmi (Gioele Dix).

IL GIUDICE MESCHINO 2^ PUNTATA (MARTEDI' 4 MARZO ORE 21.10 RAIUNO)

Anche la compagna Marina (Luisa Ranieri) si accorge del cambiamento di Alberto (Luca Zingaretti) che scopre il giro d'interessi dietro l'omicidio del collega. Lo aiuta, a sorpresa, don Mico Rota (Maurizio Marchetti), anziano boss della vecchia 'ndrangheta, ora detenuto.

Segui la pagina Serie TV
Segui
Segui la pagina Anticipazioni Tv
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!