"L'assalto" è il film che racconta le infiltrazioni della 'ndrangheta nel nord Italia e che andrà in onda lunedì 3 febbraio 2014 nel prime time su Rai1.

Nato da un'idea di Monica Zapelli, regia di Ricky Tognazzi , scritto con Claudio Fava, Francesco Ranieri Martinotti "L'assalto" è un "tv movie d'attualità e valore civile" che ha come protagonista Diego Abatantuono nei panni di un imprenditore vittima della 'ndrangheta, una delle più potenti e pericolose organizzazioni mafiose del sud Italia con ramificazioni al Nord e a livello internazionale.

Pubblicità

Ecco la trama e le anticipazioni de "L'assalto" in onda il 3 febbraio alle ore 21.10 su Rai1 e in streaming sul sito web della Rai www.rai.tv.

L'organizzazione criminale calabrese chiamata 'ndrangheta negli ultimi 20 anni si è ingrandita nel Nord Italia infiltrandosi nell'impresa e nell'economia, quindi anche nella politica. Tutto questo - nonostante la diversità culturale calabresi e lombardi - è stato possibile grazie al potere dei soldi provenienti dai traffici illeciti riciclati nell'economia legale anche grazie alla complicità di banche. Paradossalmente, secondo il punto di vista del film, la distanza culturale tra meridionali e continentali ha rappresentato un punto di fragilità anziché di forza e difesa.

Di fronte a chi non era abituato a un certo tipo di minacce e intimidazioni la 'ndrangheta ha trovato terreno fertile, anche nel Nord Italia alla denuncia in molti casi si sono preferite la complicità o l'omertà. Così si è abbassata la difesa nei confronti delle istituzioni e il Nord Italia è diventato terra di conquista di organizzazioni criminali che fanno affari anche in Borsa. E c'è chi è passato da vittima a carnefice.

Questo il contesto del film "L'assalto" che mette in scena l'incontro tra un imprenditore milanese e i boss della 'ndrangheta e l'evoluzione dei loro rapporti che si sono trasformati in breve.

Pubblicità
I migliori video del giorno

All'inizio l'imprenditore è vittima e la 'ndrangheta carnefice, poi cominciano a fare affari insieme. Prima sembra che ciò porta vantaggio a tutti e due, poi l'imprenditore scopre che non è proprio così e che prima o poi per lui sarà alto il conto da pagare. Attorno a questa storia le paure e le ansie di altri imprenditori che la crisi economica rende tutti più deboli.

"L'assalto", spiegano gli autori del tv movie in un comunicato della Rai, "è anche un racconto sui padri e sui figli. Anzi, sulle figlie.

Che ci guardano e ci ricordano che i valori ai quali li abbiamo educati devono valere tutti i giorni. Ed è un film – aggiungono - sulla dignità ritrovata, perché se abbraccio c'è stato, tra l'economia sana di questo paese e quella criminale, ci sono anche vittime che hanno avuto il coraggio di dire basta e di ritrovare la via della legalità. Perché – concludono gli autori del film 'L'assalto' - è meglio fallire come imprenditori che come uomini. Il nostro film è dedicato a loro".

Ecco il cast artistico de "L'assalto" in onda il 3 febbraio alle ore 21.10 su Rai1: Diego Abatantuono, Camilla Semino Favro, Ninni Bruschetta, Paolo Mazzerelli, Luigi Maria Burruano, Giorgia Senesi, Thomas Trabacchi, Paolo Bufalino, Claudio Sterpone.

Pubblicità