Emma Marrone non scherza, vuole vincere l'Eurovision Song Contest in questi giorni in Danimarca. Cieli sereni e protetti dalla Sirenetta di Copenaghen quelli della cantante italiana a cui è affidato il compito di portare l'Italia sul podio più alto.

Emma Marrone, dopo aver ritrovato la linea con una dieta bilanciata e sconfitto le ansie grazie al suo cane Gaetano, è pronta a vincere. In occasione della sua partenza ha rilasciato una lunga intervista al settimanale Sorrisi e Canzoni dove racconta delle sue aspirazioni di vittoria e un po' della sua vita privata. Dopo la vittoria di Gigliola Cinquetti con "Non ho l'età" del 1964, Emma Marrone la omaggia con il brano cantato il lingua originale "La mia città" con il quale ha ipotecato seriamente la finalissima che sarà seguita da oltre 170 milioni di telespettatori.

La cantante ha dichiarato candidamente di voler andare in Danimarca per vincere, non tanto per partecipare. "Sarei ipocrita se pensassi il contrario" ha detto, e ha aggiunto e di volerla cantare in italiano per non togliere il fascino alla canzone rock che "la lascia ruggire con il pubblico".

Emma Marrone ha detto inoltre di vivere questo momento molto tranquillamente tra palestra, dieta e l'affetto dei suoi cari che da sempre la sostengono. Purtroppo questa volta il cane Gaetano dovrà restare ad attendere i suoi baci in patria mentre sarà accompagnata dal padre e fratello, "ma dal 7 luglio per 5 o 6 mesi Gaetano sarà tutto mio" ha assicurato. La cantante ha scelto di essere accompagnata per cantare rigorosamente dal vivo dalla sua corista Arianna Mereu, bravissima, che contribuirà all'esecuzione del brano.

I migliori video del giorno

Poi Emma ha parlato del suo tour estivo che prenderà il via il 7 luglio da Verona per terminare il 28 luglio a Napoli. Una serie di concerti brevi, ma intensi che spiazzeranno i fans sempre in compagnia del cane, la mascotte del gruppo. Intanto Emma Marrone si gode il successo avuto nella televisione tedesca, "una vera botta di adrenalina" e gli incoraggiamenti dei suoi predecessori tra cui Marco Mengoni che le ha dato il suo "in bocca al lupo".