2

Ci siamo: questa sera a Copenaghen gran finale degli Eurovision Song Contest (in onda in diretta su Raidue, dalle ore 21).

Emma, che ci rappresenta, è agguerrita e determinata a riportare il premio dopo tanti anni in Italia: "Sono emozionata, molto emozionata e per certi versi anche un po' agitata. Sono arrivata qui con uno spirito positivo e se devo esser sincera non nego di aver voglia di portarlo a casa questo premio, bisogna sempre crederci! Questa è una competizione importantissima e scontrarsi con artisti di altre nazionalità sarà un'occasione per crescere ancora … mi vengono i brividi quando penso che mi guarderanno da così tanti paesi".

E per la sua performance la cantante ha deciso di fare le cose in grande: sulle note de "La mia città" ci sarà una coreografia realizzata da Nicolò Cerioni e Leandro Manuel Emede di Sugarkane Studio, che a detta loro regalerà non poche sorprese. "Sarà una performance a 360° che mixerà l'energia e la stravaganza del Glam Rock, con un tocco futuribile, e l'imponente regalità dell'Impero Romano, un riferimento alla nostra storia. Sul palco vedrete una Emma sorprendente e inedita, sospesa tra Ziggy Stardust e Giulio Cesare".

E qui la domanda scatta spontanea: riuscirà, nonostante tutto questo, a spuntarla su Conchita Wurst, la draq queen austriaca? Dare una risposta è molto difficile, non solo perché Conchita ha una voce straordinaria (e il suo pezzo "Rise Like a Phoenix" la mette ben in evidenza), ma anche perché ha un look che non lascia indifferenti con i suoi abiti da diva e la sua barba curata ben ostentata.

I migliori video del giorno

Ai voti "in eurovisione" l'ardua sentenza...