Prima il #Gossip sulla relazione tra Gigi Buffon e Ilaria D'Amico, poi l'allontanamento di Alena Seredova dall'ex marito: ora che la procedura di separazione della coppia è stata avviata, è tempo anche di pensare all'aspetto economico che, piano piano, assumerà la sua bella importanza. Sì, perchè non si tratta di quattro soldi da spartire, ma di un bel gruzzoletto, soprattutto se si considera il patrimonio immobiliare della coppia Buffon-Seredova. Vediamo.



Separazione Buffon-Seredova, come verrà diviso il patrimonio?

Consideriamo i venti appartamenti in Sardegna, le ville sparse per tutta la penisola italiana e poi ancora stabilimenti balneari e hotel: dopo le parole di ringraziamento di Buffon per la dignità assunta in questa vicenda dalla moglie, ora, però, è giunto il momento di dividere il malloppo. E non sarà, crediamo impresa facile. 



Finora, Alena Seredova è stata 'splendida', come ha dichiarato lo stesso Buffon: non una parola spesa sulla relazione del marito con Ilaria D'Amico, non una frecciata al veleno, niente di niente. Ora, però, che siamo alla resa dei conti, potrebbe cambiare qualcosa.


Separazione Buffon-Seredova, ecco i possedimenti da dividere

Come scritto dal settimanale 'Novella 2000', i possedimenti della coppia Buffon-Seredova sono decisamente allettanti: cinque ville nella stazione sciistica piemontese di Limone Piemonte, cinque appartamenti a Parma (dalle parti natìe di Buffon), una villa a Forte dei Marmi (il secondo 'amore' del portiere), due case a Rivoli (vicino al quartier generale della #Juventus) e venti appartamenti in Sardegna.
Senza contare lo stabilimento balneare e un Hotel a Ronchi di Versilia, un ristorante a Pistoia, una squadra di calcio (ovvero la Carrarese che milita in Lega Pro). Se consideriamo anche lo stipendio e i premi degli sponsor (oltre 12 milioni di euro all'anno), capiamo bene come non sarà facile mettersi d'accordo. 

A Gigi Buffon basterà la compagnia di Ilaria D'Amico o poco di più?