Il Segreto è giunto alla puntata numero 297, le anticipazioni per venerdì 16 maggio ci dicono inoltre che Canale 5 trasmetterà anche l'inizio della 298, quindi ormai la puntata numero 300 è vicinissima: un altro bel traguardo per la soap opera spagnola campione di ascolti in Italia. Vediamo dunque cosa accadrà nella prossima puntata.

Il Segreto: anticipazioni venerdì 16 maggio

Tra Alfonso ed Emilia le cose continuano a non andare bene. Inoltre, Alfonso pare ora tormentato da qualcosa. L'uomo è diventato scontroso e sembra non fidarsi più della moglie. Cosa è successo al dolce e premuroso Alfonso che noi tutti conoscevamo? Ha forse un terribile segreto da nascondere che lo sta mandando in paranoia? Emilia teme che sotto ci sia lo zampino di suo fratello Juan, ormai diventato un criminale incallito.

Le anticipazioni Il Segreto però ci dicono che a convogliare gran parte dell'attenzione è il caso dell'improvvisa partenza di Zamalloa. Come abbiamo visto nella precedente puntata, il poliziotto ha lasciato improvvisamente Puente Viejo senza salutare nessuno, neppure la sua amata Pepa che finalmente stava ricambiando il suo amore. Pedro convoca tutti gli interessati in villa perché dice di aver ricevuto una lettera di Zamalloa il quale si scusa per il fatto di non aver salutato nessuno.

Le anticipazioni Il Segreto continuano con Pedro che legge le conclusioni presenti nella lettera di Zamalloa riguardo al caso della morte della signora Mesia. Conclusioni alquanto in contraddizione con quanto sosteneva lo stesso Zamalloa precedentemente. In, sostanza, la lettera riferisce che probabilmente è stata una morte accidentale.

I migliori video del giorno

Tristan e Pepa sono alquanto stupiti da tale responso.

Le anticipazioni Il Segreto si concludono con i due pseudo-fratellastri che si interrogano sull'autenticità della lettera. È davvero opera di Zamalloa? Come può l'investigatore aver cambiato parere sulle indagini da un momento all'altro e soprattutto, perché è andato via in quel modo così brusco? Tristan e Pepa sono convinti che sotto c'è lo zampino di Olmo.