Termina ufficialmente oggi l'esperienza Rai di Giovanni Floris. Si conclude un rapporto più che ventennale tra il conduttore di Ballarò e la Televisione statale. Dodici anni di conduzione di Ballarò hanno portato tanti soldi e tanto successo per il giornalista. La comunicazione è arrivata direttamente da Viale Mazzini. In autunno il giornalista approderà a La7 stipulando un contratto di tre anni che frutteranno nelle sue tasche quattro milioni di euro. Per controbattere all'offerta della società televisiva di Urbano Cairo, la Rai aveva offerto un contratto annuale di seicentomila euro. Voci della separazione erano già state percepite dopo il battibecco tra il presidente del Consiglio Matteo Renzi e il conduttore durante un' intervista a Ballarò.

La causa della discussione era stato il confronto sulla spending review in Rai.

"Rimettersi in gioco è salutare e giusto" commenta Floris dopo la conclusione del suo rapporto con Viale Mazzini. Il conduttore conferma però la stima e il rispetto nei confronti della Rai e del suo programma "Ringrazio la Rai e Ballarò a cui devo tutto, perchè in questi lunghi anni mi hanno formato e dato fiducia. Mi ritengo un uomo fortunato". Il conduttore saluta dopo tanti anni di esperienza Rai per affacciarsi in un mondo del tutto differente. Non mancheranno le frecciate al primo ministro Renzi che viene adocchiato dalla maggior parte degli addetti ai lavori come uno dei maggiori fautori di questa separazione.